Uno scudo termico viaggia nello spazio che potrebbe far atterrare gli umani su Marte

Iscriviti alla newsletter scientifica di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, scoperte scientifiche e altro ancora.



CNN

Uno scudo termico sperimentale è stato contrassegnato quando un satellite polare progettato per migliorare le previsioni meteorologiche è stato lanciato all’inizio di giovedì. Potrebbe far atterrare gli umani su Marte.

Le due missioni separate sono state lanciate a bordo di un razzo Atlas V della United Launch Alliance dallo Space Launch Complex-3 presso la base della forza spaziale di Vandenberg a Lombok, in California.

Entrambe le missioni erano originariamente previste per il 1° novembre, ma sono state ritardate a causa di un guasto della batteria nella fase superiore del razzo. Gli ingegneri hanno sostituito la batteria e testato nuovamente per preparare il terreno per la nuova data di lancio.

La National Oceanic and Atmospheric Administration e la NASA hanno lanciato satelliti meteorologici dagli anni ’60. Il Joint Polar Satellite System-2, o JPSS-2, è il terzo satellite dell’ultima generazione di satelliti ambientali in orbita polare della NOAA.

L’orbiter raccoglierà dati per aiutare gli scienziati a prevedere e prepararsi per eventi meteorologici estremi come uragani, bufere di neve e inondazioni.

Il satellite può monitorare incendi boschivi e vulcani, misurare l’oceano e l’atmosfera e rilevare polvere e fumo nell’aria. Monitorerà anche l’ozono e la temperatura atmosferica, fornendo ulteriori informazioni sulla crisi climatica.

Una volta che orbita attorno al pianeta dal Polo Nord al Polo Sud, il satellite sarà ribattezzato NOAA-21. Secondo NOAA, il satellite monitorerà ogni luogo sulla Terra almeno due volte al giorno. Quando controlli il tempo sul tuo telefono, viene alimentato con i dati acquisiti dal satellite.

JPSS-2 si unisce ad altri due satelliti, il Suomi National Polar-Orbiting Partnership e il NOAA-20, che compongono il Joint Polar Satellite System.

“JPSS fornisce più di due volte al giorno osservazioni sugli oceani Atlantico e Pacifico, aiutando a monitorare i sistemi meteorologici dove non vi è alcun vantaggio di palloni meteorologici e solo boe limitate rispetto alla fitta rete di stazioni meteorologiche a terra”, ha affermato Jordan Gerth. , meteorologo e scienziato satellitare presso il National Weather Service della NOAA prima del lancio.

Un carico utile secondario che guida il razzo è la dimostrazione della tecnologia dell’acceleratore gonfiabile della NASA, o LOFTID.

La missione è progettata per testare la tecnologia dello scudo termico gonfiabile necessaria per far atterrare missioni con equipaggio su Marte e missioni robotiche più grandi su Venere o sulla luna di Saturno, Titano. LOFTID può essere utilizzato anche quando si restituiscono carichi utili pesanti sulla Terra.

L’invio di esploratori robotici o umani in altri mondi con atmosfere può essere difficile perché gli aeroshell o gli scudi termici attualmente in uso dipendono dalle dimensioni della schermatura del razzo.

Ma un aeroshell gonfiabile può aggirare questo pregiudizio e inviare missioni più pesanti su pianeti diversi.

Quando un veicolo spaziale entra nell’atmosfera di un pianeta, viene colpito da forze aerodinamiche, che aiutano a rallentarlo.

Su Marte, dove l’atmosfera è solo l’1% più densa di quella terrestre, è necessario un aiuto extra per creare la spinta necessaria per far atterrare un veicolo spaziale lentamente e in sicurezza.

Ecco perché gli ingegneri della NASA pensano che un grande aeroshell dispiegabile come il LOFTID, flessibile e protetto da uno scudo termico flessibile, potrebbe frenare mentre viaggia attraverso l’atmosfera marziana.

L’aeroshell è progettato per creare più resistenza nell’atmosfera superiore, che aiuta il veicolo spaziale a decelerare rapidamente, prevenendo anche un po’ di calore estremo. La dimostrazione LOFTID è larga circa 6 metri.

La parte inferiore dell'aeroshell gonfiato può essere vista durante i test.

Dopo circa 90 minuti, LOFTID si staccò dal satellite polare e si staccò.

Quindi, l’aeroshell si è separato dallo stadio superiore ed è rientrato nell’atmosfera dall’orbita terrestre bassa, in modo che i ricercatori abbiano potuto valutare se lo scudo termico fosse efficace nel rallentarlo e consentirgli di sopravvivere.

I sensori a bordo del LOFTID sono stati impostati per registrare l’esperienza dello scudo termico durante la sua terrificante discesa. Sei telecamere acquisiranno video a 360 gradi dell’esperimento di LOFTID, ha affermato Joe Del Corso, project manager di LOFTID presso il Langley Research Center della NASA. a Hampton, in Virginia, prima del lancio.

Al rientro, LOFTID ha incontrato temperature che hanno raggiunto i 3.000 gradi Fahrenheit e ha raggiunto velocità di quasi 18.000 miglia orarie – Un test finale per i materiali utilizzati per creare la struttura soffiata è un tessuto ceramico intrecciato chiamato carburo di silicio.

Ufficiali dentro Lo scudo termico e il registratore di dati di backup di LOFTID sono precipitati nell’Oceano Pacifico, ha affermato la NASA.A centinaia di miglia al largo delle coste delle Hawaii, un gruppo di barche si è fermato lì per recuperare rifornimenti.

Attualmente, la NASA può sbarcare 1 tonnellata (2.205 libbre) sulla superficie di Marte. La Perseverance Rover delle dimensioni di un’auto. Ma qualcosa come LOFTID potrebbe atterrare su Marte con da 20 a 40 tonnellate (da 44.092 a 88.184 libbre), ha detto Del Corso.

I risultati della dimostrazione di Giove potrebbero determinare la tecnologia di ingresso, atterraggio e atterraggio che un giorno avrebbe fornito agli equipaggi umani sulla superficie di Marte.

READ  L'incertezza continua dopo che il presidente dello Sri Lanka si è offerto di dimettersi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.