Ripartizione della classifica del British Open 2022: Rory McIlroy, Victor Howland St Andrews con il 3° round 66

Moving Day, Rory McIlroy e Victor Howland hanno tirato un 66 corrispondente al 150th Open Championship per prendere una forma completamente nuova in cima alla classifica, salendo al primo posto a 16 sotto. Partendo tre colpi dietro il leader delle 36 buche Cameron Smith, i due giocatori del gruppo finale hanno messo in scena uno spettacolo per le enormi gallerie intorno all’Old Course a St Andrews.

Ciascuno ha firmato per 6 turni sotto, con Hovland che ha lanciato il primo pugno mentre il giovane norvegese ha cardato quattro birdie sui primi nove. Per la maggior parte del 2022, Hovland è stato collegato a distanza sui green. Tornato a 4-under 32, il par-4 10°, è stato un momento cruciale per entrambi.

Dal bunker del fairway, McIlroy ha sparato il suo colpo da campionato fuori dalla sabbia e nel fondo della coppa, buono per un’aquila bucata. Hovland è stato in grado di convertire la sua opportunità di birdie ed entrambi hanno continuato a segnare nelle ultime nove mentre hanno raggiunto il punteggio di 200 attraverso 54 buche.

“Sembrava un po’ una partita là fuori… Sapevo di dover giocare un buon golf e sono davvero felice di essere stato in grado di sparare un round senza spauracchio oggi”, ha detto Hovland.

McIlroy e Howland entrano nel round finale con un vantaggio di quattro tempi su Smith e Cameron Young, che hanno lottato sabato e siedono a 12 sotto. Sebbene entrambi abbiano una possibilità esterna di sollevare la brocca Claret, è più probabile che il campione di golf dell’anno provenga dalla coppia finale.

Solo quattro giocatori hanno tirato 54 under 16 nell’Open Championship. Anche se tutti avessero vinto il Claret Jug, quella statistica non sarebbe McIlroy o Hovland, se non entrambi, in arrivo domenica.

Ecco una ripartizione della classifica che si dirige verso il round finale del 150° Open.

T1. Rory McIlroy e Victor Howland (-16): Sono passati otto anni da quando McIlroy ha vinto un campionato importante e domenica sarà la sua migliore occasione per tornare nella cerchia dei vincitori su un palco del genere tra qualche tempo. Il nordirlandese è stato quasi impeccabile sabato, aggirando il vecchio percorso con il perfetto mix di aggressività e disciplina. Per l’intera folla – e forse il mondo – McIlroy è stata la chiave n. Radicato per catturare 5. Se ciò aumenterà la pressione su di lui o lo relegherà nei libri di storia, verrà presto risposto, anche se il momento non è di buon auspicio per Rory poiché è stato lucido e autosufficiente per tutta la settimana.

READ  Baker lamenta la mancanza di giocatori di colore nati in America nelle World Series

“Mi piace molto [of composure to win]. È bello suonare di nuovo con Victor; Abbiamo avuto una buona giornata lì. È una coppia confortevole per entrambi”, ha detto McIlroy dopo il round. “Quindi, non vedo l’ora. Sto bussando alla porta adesso, è la migliore opportunità che ho avuto da tanto tempo. Voglio essere nel mio mondo un giorno e spero di poter giocare abbastanza a golf per fare il lavoro”.

T3. Cameron Smith e Cameron Young (-12): Fin dall’inizio, sapevi che sarebbe stata una battaglia per Smith, dato che inspiegabilmente ha fatto tre put per bogey nella sua buca di apertura. Incapace di capitalizzare facilmente sul fronte del vecchio campo, l’australiano è tornato al par e ha segnato tre par consecutivi per iniziare il suo nove interno. Se non torna per vincere, la maggior parte guarderà indietro alla sua decisione sul par-4 13, che alla fine ha portato a un doppio spauracchio. Tuttavia, se riesce a mantenere la quantità di potenza di fuoco che ha e resistere domenica come i primi due giorni, potrebbe avere una possibilità fuori.

T5. Scotty Scheffler e Si Woo Kim (-11): Il numero 1 del mondo ha avuto le sue possibilità di rivendicare questo campionato, ma il putter lo ha semplicemente sbalordito. A 3-under 69, Scheffler si è sentito male come si è esibito, saltando diversi brevi tentativi sui green. Ora a cinque piedi dal vantaggio, Scheffler deve ancora credere di poter vincere questa cosa se riesce a mettere insieme tutto il suo gioco.

7. Dustin Johnson (-10): Nel complesso, è un round sotto 1; Tuttavia, come Scheffler, è stato davvero un giorno “che avrebbe potuto essere”. Il due volte vincitore maggiore ha fatto birdie su due delle sue prime tre buche per sparare fuori dal cancello e ha iniziato a scalare la classifica quando ha fatto un altro par intorno al turno. Fu allora che iniziarono i guai per Johnson, che alzò la sua brutta testa con tre spauracchi in quattro buche. Lui è la chiave n. Non aggiungerò 3, ma sono successe cose strane.

READ  Kyrie Irving è stata sospesa dai Brooklyn Nets per "non aver negato l'antisemitismo" dopo la controversia su Twitter

T8. Tommy Fleetwood, Matt Fitzpatrick e Adam Scott (-9): Fleetwood non è estraneo al fatto che nel fine settimana dei campionati più importanti non sia andato a buon fine, avendo segnato un 63 nell’ultimo round degli US Open 2018. Non è una giornata da record, ma è stato un grande sforzo dell’inglese, che nella stessa domenica avrà bisogno di più se vuole fare un miracolo. Sperava che i leader non fossero troppo indietro rispetto a lui, ma fare sette piedi potrebbe essere troppo da chiedere.

“Se [the leaders] Per non andare troppo lontano, sento che abbiamo una possibilità e forse possiamo ottenere un po’ di slancio sui primi nove”, ha detto Fleetwood. “Sì, è davvero bello e davvero bello poter andare di nuovo come abbiamo fatto lungo il tratto domenica all’Open”.

T11. Jordan Spieth e Patrick Cantlay (-8): I terzini del vecchio campo stanno giocando un set molto difficile e ogni giorno lancia Spieth. Ora senza spauracchio e 9-under per tutta la prima metà della settimana, Spieth ha lottato sui primi nove, dove le sue aspirazioni all’Open Championship sarebbero state inferiori. Data la sua esibizione allo Scottish Open e il modo in cui se l’è cavata a St. Andrews nel 2015, Spieth deve provare un senso di sgomento.

T13. Kevin Kisner, Shane Lowry, Tyrell Hutton e altri due (-7): Aveva bisogno di un uccellino alla 18a buca venerdì per fare il taglio, ma ora Kisner si ritrova tra i primi 20. Sabato, i Georgia Bulldogs sono usciti dal cancello facendo birdie nelle loro prime tre buche. Ha finito per essere 6-under 30. Aggiungendone un altro il 10, giocherebbe le sue ultime sette buche in pari pari. Se avessi detto a Kisner che avrebbe firmato un 7-under 65 – il round della giornata – sarebbe stato felice, ma la composizione del suo round potrebbe effettivamente essere deludente poiché ha deviato innumerevoli opportunità da gol. .

READ  L'Arabia Saudita in contrasto con i "compagni maturi" degli Stati Uniti, afferma il ministro dell'Energia

T18. Bryson DeCambeau, Francesco Molinari, Russell Henley e altri tre (-6): È stata una mattinata divertente per DeChambeau quando ha scartato i suoi piani per giocare in modo conservativo e lasciare che il grosso cane mangiasse. Il campione degli US Open 2020 ha tirato presto il pilota ed era 6 sotto nelle sue prime 13 buche per fare una mossa. La battuta 5 non è riuscita a sfruttare entrambi i n. Il doppio spauracchio di DeChambeau al 16 ha fermato ogni movimento significativo verso la vetta della classifica.

“Penso che tu non sappia mai come giocare perfettamente su questo campo da golf. Ogni giorno è diverso”, ha detto DeChambeau. “Mostra un campo da golf unico ogni volta che il vento si alza o non si alza. È diverso. Non so come spiegarlo. Non puoi davvero batterlo. Non puoi mai. Controllalo davvero . Devi solo andare là fuori e prendere quello che ti dà. , cercando di giocare sui green dove puoi e due putt dove devi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.