Mentre la Russia consolida i guadagni nell’est, l’Ucraina alza la bandiera sull’isola riconquistata

  • Bandiera ucraina issata sull’isola riconquistata del Mar Nero
  • La Russia ha lanciato un attacco aereo sull’isola
  • La Russia consolida i guadagni nell’Ucraina orientale
  • Cerca protezione dalle bombe e dalle sonde di nuovi territori

KIEV, 7 luglio (Reuters) – Giovedì le forze ucraine hanno alzato la bandiera nazionale su un’isola riconquistata del Mar Nero in segno di sfida contro Mosca, ma le forze russe hanno consolidato le conquiste nell’Ucraina orientale e sondato la sicurezza di nuovi obiettivi.

Mosca ha risposto velocemente all’alzabandiera. Ha detto che uno dei suoi aerei da guerra ha colpito Snake Island poco dopo, distruggendo parte della base ucraina lì.

Situata a circa 140 km (90 miglia) a sud del porto ucraino di Odessa, la piccola isola è strategicamente importante in quanto protegge le rotte marittime. La Russia l’ha abbandonata alla fine di giugno, definendo la vittoria un gesto di buona volontà nei confronti dell’Ucraina, una vittoria che Kiev sperava potesse allentare il blocco dei porti ucraini da parte di Mosca.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Le immagini pubblicate giovedì dal ministero dell’Interno ucraino hanno mostrato tre soldati ucraini che alzavano una bandiera nazionale blu e gialla su un pezzo di terra vicino ai resti di un edificio raso al suolo sull’isola dei serpenti.

“Gloria ai soldati ucraini”, ha detto il ministero su Twitter.

Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino, ha suggerito che il momento si sarebbe ripetuto in tutta l’Ucraina nei prossimi mesi.

“La bandiera dell’Ucraina è su Snake Island. Abbiamo molti video di questo tipo di fronte a noi da città ucraine attualmente sotto occupazione temporanea”, ha scritto su Telegram.

READ  Inizio della stagione NFL 2022: statistiche, suggerimenti e suggerimenti che ogni fan dovrebbe ricordare di entrare nella settimana 1

L’attacco missilistico russo ai nuovi residenti dell’isola ha causato danni significativi ai suoi moli, ha affermato il portavoce dell’amministrazione regionale di Odessa Serhii Bratchuk.

Bradchuk ha detto che altri due missili russi hanno colpito e distrutto due depositi di grano nella sua regione contenenti 35 tonnellate di grano.

A Mosca, il ministero della Difesa russo ha detto che diverse truppe ucraine sono sbarcate sull’isola all’alba e hanno scattato foto con la bandiera.

“L’aereo delle forze aerospaziali russe ha immediatamente lanciato un attacco a Snake Island con missili ad alta precisione, a seguito del quale una parte del personale militare ucraino è stata distrutta”, ha affermato Igor Konashenkov, portavoce del ministero.

Snake Island è diventata un simbolo del rifiuto dell’Ucraina di piegarsi alla volontà russa all’inizio della guerra dopo che le forze ucraine di stanza lì hanno fornito una perdita di sale quando il comandante di una nave russa ha chiesto di arrendersi.

“Processo sospeso?”

Nel frattempo, le forze russe nell’Ucraina orientale hanno continuato a premere le truppe ucraine, tentando di mantenere la linea lungo i confini settentrionali della regione di Donetsk, in preparazione per una nuova offensiva più ampia contro di essa.

Dopo aver conquistato la città di Lysychansk domenica e aver effettivamente affermato il suo pieno controllo sulla regione ucraina di Luhansk, Mosca ha chiarito che intende impadronirsi di parti della vicina regione di Donetsk che deve ancora catturare. Kiev controlla ancora alcune grandi città.

Lamentando gli intensi bombardamenti russi degli ultimi giorni, il governatore regionale di Donetsk Pavlo Kyrilenko ha scritto in un Telegram che sette civili erano stati uccisi dalla Russia nelle ultime 24 ore.

READ  Le forze russe stanno combattendo per accerchiare gli ucraini a est

La Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente la sua affermazione e il ministero della Difesa russo afferma che non prende di mira i civili e utilizza armi ad alta precisione per eliminare le minacce militari.

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha affermato che le forze russe stanno spostando più unità nella regione di Luhansk per consolidare il controllo di Mosca.

Funzionari ucraini hanno detto mercoledì che i combattimenti erano in corso mentre le forze russe cercavano di fare nuove incursioni lungo il confine settentrionale tra le regioni di Luhansk e Donetsk.

Ma un’offensiva su vasta scala deve ancora concretizzarsi dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato di voler far riposare le truppe che lavorano per catturare la regione di Luhansk.

Il War Research Institute con sede negli Stati Uniti ha affermato che la Russia non sembra aver guadagnato alcun nuovo terreno dalla cattura di Lisicang di domenica.

Ha valutato che “le forze russe stanno conducendo una pausa operativa mentre sono impegnate in offensive di terra limitate per stabilire le condizioni per operazioni offensive più significative”.

Putin ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio come “operazione militare speciale” per militarizzare l’Ucraina, sradicare quelli che chiamava pericolosi nazionalisti e proteggere i russofoni nel paese.

L’Ucraina ei suoi alleati affermano che la Russia ha lanciato una presa di terra in stile imperialista, innescando il più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale.

Dopo aver fallito nel catturare preventivamente la capitale Kiev, la Russia sta ora dichiarando guerra alla regione ucraina del Donbas, che comprende le regioni di Luhansk e Donetsk.

READ  La BOJ mantiene tassi molto bassi e mette in guardia contro un forte calo dello yen

La Russia afferma di voler prendere il controllo della regione orientale e fortemente industrializzata per conto dei separatisti sostenuti da Mosca in due autoproclamate repubbliche popolari.

L’Ucraina ha ripetutamente chiesto all’Occidente di inviare più armi per porre fine a un conflitto che ha ucciso migliaia di persone, sfollato milioni di persone e raso al suolo città.

Nel suo videomessaggio notturno, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che le sue forze ora avevano parte di ciò di cui avevano bisogno.

“Finalmente, l’artiglieria occidentale sta iniziando a funzionare in modo potente e stiamo ricevendo armi dai nostri partner. La loro precisione è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno”, ha detto.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto dell’Ufficio Reuters; Scritto da Michael Perry e Andrew Osborne; Montaggio di Angus MacSwan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.