Lo Stato sollecita il vaccino contro la poliomielite nelle acque reflue di New York

WASHINGTON, 1 agosto (Reuters) – Funzionari sanitari statali hanno dichiarato lunedì di aver confermato il mese scorso la presenza del poliovirus nelle acque reflue di un sobborgo di New York City. Vaccinato.

La diagnosi dei campioni di acque reflue raccolti a giugno indica che il virus era nella comunità prima che la diagnosi dell’adulto della contea di Rockland fosse resa pubblica il 21 luglio. leggi di più

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno affermato in una dichiarazione inviata via e-mail che la presenza del virus nelle acque reflue indica che più persone nella comunità potrebbero perdere il virus nelle loro feci.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Tuttavia, il CDC ha aggiunto che non sono stati identificati nuovi casi e non è ancora chiaro se il virus si stia diffondendo attivamente a New York o altrove negli Stati Uniti.

I test di laboratorio hanno confermato che il ceppo nel caso era geneticamente legato a uno trovato in Israele, anche se ciò non significava che il paziente si fosse recato in Israele, hanno aggiunto i funzionari. Il sequenziamento genetico è stato anche collegato a campioni del virus altamente contagioso e mortale nel Regno Unito, ha affermato il CDC.

Secondo il New York Times, il paziente ha iniziato a mostrare sintomi a giugno, spingendo i funzionari locali a chiedere ai medici di cercare casi.

“Data la velocità con cui si diffonde la poliomielite, è tempo che ogni adulto, genitore e tutore si faccia vaccinare il prima possibile con i propri figli”, ha affermato il commissario statale per la salute, la dott.ssa Mary Bassett.

READ  Devon Allen è stato squalificato per falsa partenza

Non esiste una cura per la poliomielite, che a volte può causare una paralisi irreversibile, ma può essere prevenuta con un vaccino disponibile nel 1955.

I funzionari di New York hanno detto che apriranno cliniche di vaccinazione per i residenti non vaccinati per farsi vaccinare. Secondo il CDC, il vaccino antipolio inattivato (IPV) è l’unico vaccino contro la poliomielite somministrato negli Stati Uniti dal 2000. Viene somministrato mediante iniezione alla gamba o al braccio, a seconda dell’età del paziente.

La poliomielite è spesso asintomatica e le persone possono diffondere il virus anche se non si ammalano. Ma può produrre sintomi lievi, simil-influenzali che possono richiedere fino a 30 giorni per comparire, hanno detto i funzionari.

Può colpire a qualsiasi età, ma la maggior parte delle vittime sono bambini di età pari o inferiore a tre anni.

Il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha detto a Reuters che non poteva dire con certezza, sulla base delle prove disponibili, se i campioni di poliomielite positivi provenissero da un caso identificato nella contea di Rockland.

“Certo, quando vengono identificati campioni come questo, solleva preoccupazioni sul potenziale di trasmissione nella comunità, motivo per cui è così importante che chiunque non sia stato vaccinato, specialmente nell’area della contea di Rockland, si vaccina il prima possibile, ” ha detto il dipartimento.

Il vaccino contro la poliomielite sviluppato dal dottor Jonas Salk negli anni ’50 è stato annunciato come una svolta scientifica nella lotta contro il flagello globale, ora ampiamente sradicato in tutto il paese. Sebbene i casi siano stati rilevati nel 1993 e nel 2013, gli Stati Uniti non hanno assistito a un focolaio di poliomielite nel paese dal 1979.

Relazione di Susan Heavey; Montaggio di Aurora Ellis e Christopher Cushing

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.