Liz Truss del Regno Unito libererà miliardi di sterline per aiutare le bollette energetiche

Il neoeletto primo ministro britannico Liz Truss dovrebbe annunciare un pacchetto di incentivi multimiliardario per aiutare le persone colpite dall’aumento dei prezzi dell’energia.

Carl Kort/Staff/Getty Images

LONDRA – Il nuovo primo ministro inglese Liz Truss annuncerà giovedì un pacchetto del valore di decine di miliardi di sterline per aiutare le persone a pagare le bollette energetiche, ma ci sono preoccupazioni su come sarà finanziato.

Si prevede che l’annuncio della politica congelerà i prezzi dell’energia al livello attuale, ovvero £ 2.500 ($ 2.870). L’attuale limite, che entrerà in vigore il mese prossimo, aumenterà la bolletta energetica media da £ 1.971 a £ 3.549 all’anno.

Nel suo primo discorso da primo ministro martedì sera, Truss ha detto che avrebbe “affrontato la crisi energetica causata dalla guerra di Putin”. “Questa settimana prenderò provvedimenti per affrontare le bollette energetiche e garantire future forniture energetiche”, ha affermato.

L’annuncio arriva a oltre 170.000 persone nel Regno Unito Hanno in programma di cancellare le loro bollette energetiche In opposizione a Aumento del tetto massimo del prezzo dell’energia.

Il Numero di persone che vivono in povertà energetica In Gran Bretagna, che è definita come non essere in grado di riscaldare adeguatamente una casa, a meno che non venga fornito un sostegno finanziario, quest’inverno colpirà 12 milioni di famiglie (42%), secondo il gruppo di campagna End Fuel Poverty Coalition.

180 miliardi di sterline di sostegno?

I dettagli esatti del pacchetto devono ancora essere rivelati. Le prime stime suggerivano che potrebbe valere circa £ 100 miliardi di supporto, ma recenti stime di Deutsche Bank hanno affermato che potrebbe essere più vicino a £ 200 miliardi.

La banca ha alzato le sue aspettative poiché i rapporti suggerivano che il congelamento della bolletta energetica sarebbe stato di circa £ 2.500, un “importo significativamente inferiore” di quanto la banca si aspettasse, ha affermato in una nota di ricerca mercoledì.

READ  Devon Allen è stato squalificato per falsa partenza

Secondo la banca, il pacchetto da 40 miliardi di sterline sarà destinato a sostenere le imprese con i loro costi energetici, portando il totale delle misure di sostegno previste a 180 miliardi di sterline, secondo i rapporti.

Inizialmente era previsto che solo le case avrebbero ricevuto supporto.

La cifra è quasi la metà di quanto è stato speso per gli aiuti finanziari durante la pandemia di Covid-19 e solo l’8% del PIL, secondo Deutsche Bank. Il blocco dovrebbe entrare in vigore da ottobre.

Il conto alla fine ricade sui contribuenti

Il pacchetto dichiarato dal truss non è molto diverso da a Un piano proposto dal Partito Laburista di opposizione Il 14 agosto.

La differenza principale è che il Labour aveva proposto di finanziare la mossa attraverso una tassa inaspettata sulle compagnie petrolifere e del gas, cosa che il nuovo primo ministro ha rifiutato.

“Sono contraria a una flat tax”, ha detto Truss alla Camera dei Comuni durante la sua prima sessione di domande con altri legislatori mercoledì.

“Credo che sia la cosa sbagliata scoraggiare le aziende a investire nel Regno Unito, poiché abbiamo bisogno di far crescere l’economia”, ha affermato.

Promuovere l’economia del Regno Unito attraverso “riduzioni fiscali e riforme” è stato uno dei tre mandati chiave stabiliti dal nuovo primo ministro nel suo discorso inaugurale martedì sera.

Altri hanno affrontato la crisi energetica e migliorato il servizio sanitario nazionale britannico.

Secondo Christopher Dembig, responsabile dell’analisi macro di Saxo Bank, il nuovo pacchetto energetico sarà finanziato da un debito pubblico aggiuntivo, ma le ripercussioni del sostegno finanziario potrebbero farsi sentire per decenni.

READ  Il Dow Jones inverte mentre Walmart aumenta i guadagni; Raduni di Home Depot

“Ha solo una strada da seguire: aprire la porta a un massiccio pacchetto di incentivi e, una volta risolta la crisi, aumentare la tassazione”, ha affermato Dembig.

“È un’ottima notizia a breve termine, ma a lungo termine il conto ricadrà sui contribuenti e potrebbe costare generazioni”, ha detto alla CNBC.

“Non ci aiuterà nei prossimi inverni”

Secondo l’economista Jeevan Chander, un pacchetto di stimolo energetico sarebbe una soluzione a breve termine a un problema a lungo termine per le persone in Gran Bretagna.

“L’attuale piano proposto eviterà il disastro, ma la crisi è ancora lì”, ha detto, riferendosi alla crisi del costo della vita che già colpisce molte famiglie. Imprese in Gran Bretagna.

“Questo congelamento dei prezzi dell’energia potrebbe fermare il disastro questo inverno, ma non ci aiuterà negli inverni a venire”, ha affermato.

Anche il settore del gas potrebbe risentire degli effetti a catena del pacchetto di incentivi, ha affermato Solomon Fiedler, economista della Berenberg Investment Bank.

“Anche se le società di servizi pubblici in carica congelano i prezzi ora, se in futuro li mantengono superiori ai costi individuali, non dovranno recuperare le perdite attuali dai nuovi entranti in futuro, e quindi ridurle”, ha affermato Fiedler.

“Un altro problema è che un congelamento generale dei prezzi dell’energia eliminerebbe gli incentivi per le famiglie a ridurre il consumo di gas”, ha detto Fiedler alla CNBC. “Ciò renderà la politica più costosa e aumenterà ulteriormente la carenza di gas per i settori non coperti dal blocco”.

Ci sono anche speculazioni sull’impatto sull’economia generale. Mentre le politiche di bassa tassazione e deregolamentazione di Truss stimoleranno l’economia, i benefici non si faranno sentire per anni o addirittura decenni, ha affermato Fiedler.

READ  Dow Jones Future Fall dopo l'azione rialzista del mercato; Tesla acquisterà batterie dal suo principale concorrente di veicoli elettrici

“Nel breve periodo, ulteriori stimoli fiscali, attraverso tagli alle tasse o misure di sostegno, aumenteranno le pressioni inflazionistiche (i tassi di inflazione annunciati dipenderanno dai dettagli di queste misure) se non saranno finanziati…”, ha scritto.

La Gran Bretagna ha bisogno di un sostegno per la crisi energetica

Chris Curtis, capo dei sondaggi politici presso Opinium Research, ha affermato che il costo delle bollette energetiche è “sicuramente la questione più importante per gli elettori in questo momento”. ha detto alla CNBC.

“È importante fare una buona prima impressione come nuovo primo ministro e Liz Truss crede che avendo una grande voce in capitolo in una delle più grandi priorità degli elettori, farà in qualche modo quella prima impressione positiva”, ha detto Curtis .

“La maggior parte degli elettori ci dice che non sappiamo ancora molto di lei e che le loro opinioni su di lei sono molto deboli, quindi questo è un momento molto importante per lei per andare d’accordo con il pubblico”, ha detto.

“Sfide impossibili” per i più vulnerabili

Avvertimento che il prossimo decennio dell’inverno Forse “terribile”. Alcuni si chiedono se il pacchetto in arrivo sarà sufficiente per proteggere le persone più vulnerabili a meno che non vengano presi seri provvedimenti per controllare i prezzi del gas.

Secondo una nota di ricerca di Sarah Coles, analista di finanza personale senior presso Hargreaves Launceston, un congelamento dei prezzi attuali aumenterà il fabbisogno energetico e peggiorerà la situazione.

“Chiunque paghi con addebito diretto tecnicamente starebbe già distribuendo costi più elevati nel corso dell’anno, mentre quelli con redditi più bassi sarebbero su contatori prepagati dove pagano per l’energia che usano quando la usano”, ha detto Coles. .

“Se i prezzi vengono congelati a un livello leggermente più alto, aumenteranno le probabilità contro i più vulnerabili questo inverno”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.