L’Iran chiude la polizia morale dopo 2 mesi di proteste, dice un funzionario

Da allora l’Iran ha smantellato la sua polizia morale Due mesi di proteste I media locali hanno riferito domenica che è stato provocato dalla morte di Mahsa Amini in seguito al suo arresto per presunta violazione del rigoroso codice di abbigliamento femminile del Paese, citando un funzionario iraniano. Proteste guidate da donne etichettate come “rivolte” dalle autorità hanno avuto luogo in Iran dopo la morte di una donna iraniana di 22 anni di origine curda il 16 settembre, tre giorni dopo essere stata arrestata dalla polizia morale a Teheran.

I manifestanti hanno bruciato il velo obbligatorio dell’hijab e cantato slogan antigovernativi, e un numero crescente di donne si è rifiutato di indossare l’hijab, in particolare in alcune parti di Teheran.

L’agenzia di stampa ISNA ha citato le parole del procuratore generale Mohammad Zafar Montazeri: “La polizia morale non ha alcun legame con la magistratura ed è stata abolita”. Il suo commento è arrivato a una conferenza religiosa, dove ha risposto alla domanda “Perché la polizia morale viene chiusa?”

La mossa, se confermata, rappresenterebbe una rara concessione al movimento di opposizione, ei funzionari hanno riconosciuto l’effetto deprimente della crisi economica alimentata dalle sanzioni statunitensi.

Ma come ha riferito lunedì la portavoce della CBS Holly Williams, non c’è stata alcuna conferma da parte del regime iraniano di un piano per chiudere la polizia morale, e i suoi commenti sono stati accolti con molto scetticismo. Williams afferma che i manifestanti chiedono un cambiamento più radicale nel modo in cui è gestita la loro nazione, e sembra improbabile che decidano di lasciare le strade e tornare a casa pacificamente, anche con una pessima forza di polizia. dissolto.

READ  Olanda vs Argentina, Coppa del Mondo: punteggio finale 2-2, Albiceleste vince partita selvaggia ai rigori, passa alle semifinali
FOTO D'ARCHIVIO: Protesta contro la morte di Mahza Amini a Teheran
Una motocicletta della polizia brucia durante una protesta a Teheran il 19 settembre 2022.

AGENZIA DI STAMPA WANA via REUTERS


“Il modo migliore per affrontare i disordini… è prestare attenzione alle reali richieste della gente”, ha detto Seyed Nejamaldin Mousavi, portavoce del Consiglio parlamentare del Presidium, riferendosi ai “mezzi di sussistenza e all’economia” nella Repubblica islamica.

Da quando la rivoluzione islamica ha rovesciato la monarchia iraniana sostenuta dagli Stati Uniti nel 1979, le autorità hanno monitorato rigidi codici di abbigliamento per donne e uomini.

Ma sotto la linea dura del presidente Mahmoud Ahmadinejad, la Morality Police – formalmente nota come Kasht-e Ershad, o “pattuglia di guida” – è stata istituita per “diffondere la cultura della modestia e dell’hijab”.

Queste unità sono state istituite dal Consiglio supremo iraniano per la rivoluzione culturale, guidato oggi dal presidente Ibrahim Raisi.

Hanno iniziato le loro pattuglie nel 2006 per far rispettare un codice di abbigliamento che richiede alle donne di indossare abiti lunghi e vietare pantaloncini, jeans strappati e altri indumenti ritenuti immodesti.

L’annuncio dell’abolizione delle unità è arrivato il giorno dopo che Montessori ha affermato che “sia il parlamento che la magistratura stanno lavorando” sulla questione della modifica della legge che impone alle donne di coprirsi il capo.

Le basi repubblicane e islamiche dell’Iran sono costituzionali “ma ci sono metodi per attuare la costituzione che sono flessibili”, ha detto sabato Raisi in un discorso televisivo.

L’hijab è diventato obbligatorio nel 1983. Gli agenti di polizia morale inizialmente hanno emesso avvertimenti prima di reprimere e arrestare le donne 15 anni fa.

Le squadre di solito erano composte da uomini che indossavano uniformi verdi e donne che indossavano chador neri, coperture per la testa e la parte superiore del corpo.

Il ruolo delle unità si è evoluto, ma è sempre stato controverso.

I codici di abbigliamento sono gradualmente cambiati, soprattutto sotto l’ex presidente moderato Hassan Rouhani, dove è diventato comune vedere donne in jeans attillati e foulard larghi e colorati.

Ma nel luglio di quest’anno il suo successore, l’ultraconservatore Raisi, ha chiesto la mobilitazione di “tutte le agenzie governative per far rispettare la legge sul velo”.

“I nemici dell’Iran e dell’Islam hanno preso di mira i valori culturali e religiosi della società diffondendo la corruzione”, accusava all’epoca Raisi.

Anche il rivale regionale dell’Iran, l’Arabia Saudita, ha utilizzato la polizia morale per far rispettare i codici di abbigliamento delle donne e altri codici di condotta. Dal 2016, il potere è stato messo da parte dal regno musulmano sunnita che ha perso la sua immagine di linea dura.

A settembre, il principale partito riformista del Paese, l’Unione del Partito popolare dell’Iran islamico, ha chiesto l’abrogazione della legge sull’hijab.

Il partito, formato dai parenti dell’ex presidente riformista Mohammad Khatami, chiede alle autorità di “preparare gli elementi giuridici che apriranno la strada all’abrogazione della legge sull’hijab obbligatorio”.

Sabato ha invitato la Repubblica islamica a chiudere pubblicamente la sua polizia morale e “consentire manifestazioni pacifiche”.

L’Iran accusa il suo avversario, gli Stati Uniti ei suoi alleati, tra cui Gran Bretagna e Israele, così come i gruppi curdi fuori dal paese di fomentare proteste di piazza.

Più di 300 persone sono state uccise nei disordini, tra cui dozzine di membri delle forze di sicurezza, ha detto lunedì un generale iraniano.

L’ONG Iran Human Rights con sede a Oslo ha dichiarato la scorsa settimana che almeno 448 persone sono state “uccise dalle forze di sicurezza durante le proteste a livello nazionale”.

Migliaia di persone sono state arrestate, inclusi importanti attori e calciatori iraniani.

L’attore Hengame Ghasiani era tra loro arrestati il ​​mese scorso. Ha pubblicato un video di se stesso mentre si toglie il casco su Instagram. Successivamente è stato rilasciato su cauzione, hanno riferito le agenzie di stampa iraniane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.