L’agente non certificato della NFLPA ha contattato i club per conto del linebacker Roquan Smith, afferma la nota del Management Council della NFL

Foresta del lago, Ill. — Il confronto tra i Chicago Bears e il linebacker Roquan Smith Le negoziazioni contrattuali hanno preso un’altra svolta lunedì quando l’organo di governo della NFL ha inviato un promemoria a tutte le 32 squadre che un agente non certificato della NFLPA ha contattato i club per conto della scelta del primo turno del 2018.

Secondo una copia della nota ottenuta da ESPN, il consiglio è stato informato dalla NFL Players Association che “un individuo di nome Saint Omni, che non è un agente certificato NFLPA, sta contattando i club indicando che rappresenta Roquan Smith, che è sotto contratto con i Chicago Bears”.

“A Mr. Omni è vietato negoziare contratti con i giocatori o discutere di potenziali scambi per conto di un giocatore della NFL o di un potenziale giocatore, o di assistere o consigliare in tali negoziati”, si legge nel promemoria.

Martedì, Smith ha rilasciato una dichiarazione tramite NFL Media in cui affermava di aver richiesto uno scambio dopo non essere riuscito a elaborare un’estensione del contratto con i Bears. Il linebacker ha detto che un’offerta di estensione da Chicago “farebbe male a me e all’intero mercato LB se avessi firmato”.

Lo stesso giorno, il direttore generale dei Bears Ryan Boles ha ribadito il suo desiderio di ingaggiare Smith e ha detto che il front office ha fatto un’offerta con “pezzi da record”.

Smith non è registrato come cliente di alcun agente certificato NFLPA.

Il linebacker era scomparso dagli allenamenti di lunedì. Dopo essersi presentato in tempo al campo di addestramento, Smith è stato inserito nell’elenco degli incapaci di esibirsi fisicamente (PUP) per i primi 12 allenamenti. Ha superato un esame fisico ed è stato attivato dalla lista PUP mercoledì, ma non ha partecipato alle prove libere il giorno successivo né a nessuna delle vittorie dei Bears su Kansas City.

READ  Lea Michele sarà la protagonista di "Funny Girl" di Broadway dopo l'uscita di Benny Feldstein

La nota del comitato esecutivo fa riferimento alla sezione 48 del contratto di contrattazione collettiva della NFL, in cui si afferma che i contratti dei giocatori devono essere negoziati solo se il giocatore agisce per proprio conto o con il suo agente certificato NFLPA.

La nota si concludeva ricordando la politica anti-spoofing della Lega, in cui si afferma che “nessun club è autorizzato a negoziare con un giocatore sotto contratto con un altro club o discutere un potenziale scambio con il suo agente certificato o senza l’espresso consenso scritto del giocatore. club dei datori di lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.