La tempesta tropicale Fiona si sta formando e presto colpirà le Piccole Antille e Porto Rico

La tempesta tropicale Fiona, che si è formata diverse centinaia di miglia a est delle Piccole Antille mercoledì sera, è pronta a colpire le Isole Sottovento e Porto Rico con forti piogge, onde agitate, correnti di strappo costiere e forti venti. Questo è il primo atto di quello che sembra essere un lungo tour dell’Atlantico occidentale, con segnali che Fiona potrebbe alla fine diventare un uragano, forse uno da sorvegliare le Bermuda o la costa orientale degli Stati Uniti.

Gli avvisi di tempesta tropicale per le Isole Sottovento settentrionali, tra cui Sabah e St. Eustatius, St. Maarten, Antigua, Barbuda, St. Kitts, Nevis, Montserrat e Anguilla, possono essere estesi a Porto Rico e alle Isole Vergini americane giovedì pomeriggio o sera. Gli orologi esistenti verranno aggiornati a un avviso quando la tempesta soffia a 14 mph a ovest a 50 mph.

Come gli uragani del Pacifico aiutano a combattere gli incendi in California

I venti di tempesta tropicale arriveranno venerdì notte e porteranno forti piogge nella gamma da 3 a 6 pollici. Dopo essere passata vicino o sopra Porto Rico, Fiona vede una curva verso nord, a quel punto un puzzle di materiali atmosferici incerti riprodurrà un tiro alla fune ovest contro est che alla fine determinerà dove si dirigerà.

Fiona è la sesta tempesta nominata in quella che, fino ad ora, è stata una stagione di uragani atlantici relativamente tranquilla. Il bacino atlantico ha registrato una media del 47,4% per ACE, o energia accumulata dagli uragani, una misura dell’attività complessiva delle tempeste.

Secondo il ricercatore sugli uragani Philip Klotzbach, questo è l’inizio di stagione più lento dal 2014, superando le previsioni degli esperti per una stagione 2022 particolarmente attiva. In confronto, l’alta stagione del 2021 aveva già eclissato 20 tempeste nominative ed era sul punto di immergersi nell’alfabeto greco.

READ  Morte del trailer di San Antonio: le autorità affermano che 46 immigrati sono stati trovati morti in un semicingolato

A partire dalle 11 di giovedì, il centro di Fiona si trovava a circa 495 miglia a est delle Isole Sottovento e si muoveva verso ovest a una velocità tipica. Il movimento verso ovest dovrebbe continuare fino a venerdì, quando Fiona avrà impatti sulle isole Fiona e Porto Rico.

I venti massimi sostenuti sono stimati a 50 mph e il National Hurricane Center prevede un moderato rafforzamento fino a una tempesta di 55 mph. Successivamente, è previsto un plateau di intensità mentre prosegue verso ovest. L’agenzia ha chiesto alle navi entro 300 miglia dalla posizione della tempesta di registrare e inviare osservazioni meteorologiche ogni tre ore per aiutare con gli sforzi di previsione e modellazione. Un aereo dell’Air Force Hurricane Hunter sarà inviato per monitorare la tempesta più tardi giovedì.

Nelle immagini satellitari a infrarossi, Fiona è piena di convezione profonda o attività di acquazzoni e temporali. Rossi e bianchi più scuri indicano cime delle nuvole più fredde. Ma la maggior parte della tempesta è migrata a est della sua circolazione a basso livello – nota il campo di nubi a basso livello che vortica al centro in bianco, che è oscurato da nubi più alte a est.

La mancanza di allineamento verticale del sistema è il risultato del wind shear da ovest a nordovest o di un cambiamento nella velocità e/o direzione del vento con l’altezza. Questo fa perdere il controllo al sistema e finché non si impila meglio verticalmente, Fiona farà fatica a intensificare. Non è previsto un consolidamento nel breve termine in quanto non si allenta a breve.

In definitiva, se un temporale e lo sviluppo associato si spostano oltre quel particolare vortice, il centro di basso livello potrebbe estendersi, ma resta da vedere se ciò accadrà prima di raggiungere Porto Rico.

READ  Ultime notizie sulla guerra in Ucraina: la Russia sferra un altro colpo alla città di Mykolaiv

Si prevede che Fiona porterà impatti nelle Isole Sottovento settentrionali a partire dalla fine di venerdì e il suo centro dovrebbe attraversare l’arcipelago all’inizio di sabato. Generalmente sono previsti da 3 a 6 pollici di pioggia, con quantità maggiori nell’entroterra. Sono anche possibili uragani in rapido movimento con pericolose correnti di strappo costiere con venti da 50 a 60 mph.

Da lì, il modello statunitense (GFS) indica che Fiona potrebbe seguire il nord di Porto Rico oltre il confine nord-orientale del territorio statunitense.

Invece, il modello europeo simula una pista a sud di Porto Rico e infine a Hispaniola. Ciò potrebbe interrompere la circolazione della tempesta prima che emerga sulle acque delle Bahamas sudorientali. Le forti piogge della tempesta sulla Repubblica Dominicana e su Haiti potrebbero portare a inondazioni e smottamenti, con il potenziale di acquazzoni a doppia cifra, soprattutto nelle zone montuose.

La previsione del centro dell’uragano per la pista di Fiona divide la differenza tra il modello statunitense ed europeo, chiedendo a Fiona di guidare il Mona Passage a ovest dell’isola e ad est di Hispaniola prima di attraversare Porto Rico mentre inizia una curva verso nord. La wild card finale, e quindi diversi scenari di pista, dipenderanno dalla forza e dalla posizione dell’alta pressione nel nord-est quando gira a destra verso nord. Quell’alto funge da guardia.

Alla fine, Fiona si sposterà verso nord, evitando la terraferma e se il suo nucleo interno rimane intatto, inizierà a intensificarsi nei prossimi cinque o sette giorni.

Alcune simulazioni di modelli al computer mostrano che si muove minacciosamente vicino alla costa orientale, viene spinto verso ovest dalle Bermuda High e viene attirato verso la costa dalla bassa pressione, cercando di recuperare il ritardo. Altri modelli gli consentono di andare in mare, il che rappresenta un rischio maggiore per le Bermuda. Tutto sommato, è troppo presto per dirlo, ma dovresti prestare molta attenzione a questo.

READ  Secondo quanto riferito, decine di prigionieri di guerra ucraini sono stati uccisi nell'attacco missilistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.