La Russia espande gli attacchi contro obiettivi civili ucraini dopo le battute d’arresto in prima linea

  • La Russia intensifica gli attacchi contro obiettivi civili in Ucraina – Gran Bretagna
  • Tombe trovate vicino a Izium, in Ucraina, affermano che i parenti stanno cercando i morti
  • Biden esorta Putin a non usare armi tattiche nucleari e chimiche
  • Cavo elettrico principale restaurato presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia – AIEA

IZIUM, Ucraina, 18 settembre (Reuters) – La Russia ha esteso i suoi attacchi alle infrastrutture civili ucraine la scorsa settimana dopo una battuta d’arresto sul campo di battaglia ed è probabile che amplierà ulteriormente il suo raggio d’azione, ha detto domenica la Gran Bretagna.

Gli ucraini di ritorno a nord-est stavano cercando morti durante l’avanzata fulminea di Kiev all’inizio di questo mese, mentre l’artiglieria russa e gli attacchi aerei hanno colpito bersagli in tutta l’Ucraina orientale.

Cinque civili sono stati uccisi negli attacchi russi nella regione orientale di Donetsk lo scorso giorno e dozzine di edifici residenziali, gasdotti e linee elettriche sono stati colpiti nella parte occidentale di Nikopol, hanno affermato domenica i governatori regionali.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Il ministero della Difesa britannico ha affermato che gli attacchi russi alle infrastrutture civili, comprese le reti elettriche e le dighe, si sono intensificati negli ultimi sette giorni.

“Di fronte a battute d’arresto in prima linea, la Russia potrebbe aver esteso le sue posizioni pronte allo sciopero nel tentativo di minare direttamente il morale del popolo e del governo ucraini”, afferma l’aggiornamento dell’intelligence.

Sabato, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato in un discorso video che le autorità avevano scoperto una fossa comune a Izium contenente i corpi di 17 soldati, alcuni dei quali, secondo lui, recavano segni di tortura.

READ  Risultati del college football, calendario, classifiche NCAA top 25, partite di oggi: Alabama, USC in azione

I residenti di Izium cercano i parenti morti in un cimitero nella foresta dove i soccorritori hanno iniziato a riesumare i corpi la scorsa settimana. Le cause della morte di coloro che si trovavano nel cimitero non sono state ancora stabilite, anche se i residenti affermano che alcuni sono morti in attacchi aerei.

Le autorità ucraine hanno dichiarato la scorsa settimana di aver trovato 440 corpi nei boschi vicino a Isium. Hanno detto che la maggior parte dei morti erano civili e la causa della morte non è stata accertata.

Il Cremlino non ha commentato la scoperta delle tombe, ma in passato Mosca ha più volte negato di aver preso di mira deliberatamente i civili o di aver commesso atrocità.

Camminando tra le tombe e gli alberi nella foresta di scavi, Volodymyr Golznik ha cercato di abbinare i numeri scritti sulle croci di legno a una lista meravigliosamente scritta a mano per trovare i parenti che diceva fossero morti in un attacco aereo nei primi giorni. Guerra. Kolesnick ha detto di aver ottenuto la lista da un’impresa di pompe funebri locale che ha scavato le tombe.

“Hanno seppellito i corpi in sacchi, senza bare, senza niente. All’inizio non mi era permesso qui. Loro (i russi) hanno detto che era stato tagliato e mi hanno detto di aspettare”, ha detto a Reuters sabato.

Oleksandr Ilienkov, capo dell’ufficio del procuratore per la regione di Kharkiv, ha detto a Reuters sulla scena venerdì: “Uno dei corpi (trovati) conteneva una struttura legamentosa e una corda intorno al collo, prova delle mani legate”. Per altri corpi ci sono segni di morte violenta ma saranno sottoposti ad esame forense.

Il sindaco di Iziam ha detto domenica che i lavori al cantiere sarebbero proseguiti per altre due settimane.

“Gli scavi sono in corso, le tombe vengono scavate e tutti i resti vengono trasportati a Kharkiv”, ha detto alla televisione di stato Valery Marchenko.

Nel villaggio di Kochacha Loban, a circa 45 km (30 miglia) a nord di Kharkiv e 5 km (3 miglia) dal confine russo, un giornalista della Reuters è stato portato in una squallida cantina di celle sbarrate che le autorità locali avevano servito come prigione improvvisata durante l’occupazione. Il sindaco del distretto locale Vyacheslav Satorenko ha affermato che le celle sono state utilizzate come “cantine di tortura” per trattenere i civili. Reuters non ha potuto verificare tali account.

Ancora spaventato

Altrove nella regione, i residenti delle città riconquistate dopo sei mesi di occupazione russa stavano tornando con un misto di gioia e trepidazione. leggi di più

“Ho ancora la sensazione che in qualsiasi momento un proiettile potrebbe esplodere o un aereo potrebbe volare sopra la mia testa”, ha detto Natalia Yelistratova, che ha viaggiato per 80 km (50 miglia) in treno da Kharkiv alla sua città natale con suo marito e sua figlia. Balaglia ha trovato il suo appartamento intatto ma segnato dai bombardamenti.

“Ho ancora paura di essere qui”, ha detto dopo aver scoperto un pezzo di carta su un muro.

READ  I mercati europei aprono alla chiusura, azioni, notizie, dati e guadagni

Il presidente russo Vladimir Putin non ha risposto alle accuse, ma venerdì ha sbattuto il rapido contrattacco dell’Ucraina e ha detto che Mosca avrebbe risposto con più forza se le sue truppe fossero state sottoposte a ulteriori pressioni. leggi di più

Tali ripetute minacce hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che a un certo punto possa rivolgersi a piccole armi nucleari o guerra chimica.

Alla domanda su cosa avrebbe detto a Putin sull’uso di tali armi, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha risposto: “No. No. No. Cambierà il volto della guerra dalla seconda guerra mondiale”. Il commento di un’intervista al programma della CBS “60 Minutes” è stato rilasciato dalla CBS sabato. leggi di più

Alcuni analisti militari hanno affermato che i russi avrebbero potuto organizzare un incidente nucleare a Zaporizhzhia, la più grande centrale nucleare d’Europa, gestita dalla Russia ma con personale ucraino.

Mosca e Kiev si accusano a vicenda di bombardamenti intorno all’impianto, che ha danneggiato edifici e interrotto le linee elettriche necessarie per mantenerlo fresco e sicuro. L’Ucraina è stata ricollegata alla rete elettrica dopo che una delle sue centrali nucleari è stata riparata, ha affermato sabato l’organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite. Tuttavia, ha avvertito che la situazione nell’impianto era “a un livello pericoloso”. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reporting di Reuters Bureaus Scritto da Lincoln Feast, Raisa Kasolowski e Tomasz Janowski Montaggio da William Mallard e Frances Kerry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.