La Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto la richiesta di Trump di documenti sequestrati

13 ottobre (Reuters) – Giovedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto l’offerta di un arbitro indipendente di mantenere segreti i documenti sequestrati dall’ex presidente Donald Trump dalla sua casa in Florida dall’FBI nell’ambito di una battaglia legale contro gli investigatori che indagano su delicati rapporti del governo. record.

In un’ordinanza sommaria, i giudici hanno respinto la richiesta di emergenza di Trump di ribaltare la sentenza di un tribunale di grado inferiore, vietando la revisione da parte della giuria di più di 100 documenti contrassegnati come classificati tra i circa 11.000 documenti sequestrati nella sua tenuta di Mar-a-Lago a Palm. Spiaggia l’8 agosto.

Non ci sono stati dissensi pubblicamente noti da nessuno dei nove giudici alla decisione e due giorni dopo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha insistito per respingere la richiesta di Trump e tenere i documenti riservati fuori dalle mani di un arbitro noto come maestro speciale.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La maggioranza conservatrice 6-3 della corte comprende tre nominati Trump che lasceranno l’incarico nel gennaio 2021.

Le autorità federali hanno ottenuto un mandato approvato dal tribunale per perquisire la casa di Trump in un’indagine penale del Dipartimento di Giustizia con il sospetto che non avesse restituito tutti i suoi documenti riservati dopo la fine della sua presidenza.

Gli investigatori stavano cercando prove di possibili crimini legati al possesso illegale di informazioni sulla sicurezza nazionale e all’ostruzione di un’indagine federale. Trump ha negato illeciti e ha affermato che l’indagine era motivata politicamente.

Trump è andato in tribunale il 22 agosto nel tentativo di limitare l’accesso ai documenti mentre il Dipartimento di Giustizia continua le sue indagini penali.

READ  In uno sviluppo scioccante, Bob Iger è stato nominato CEO della Disney
L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump parla durante una manifestazione a Youngstown, Ohio, Stati Uniti, il 17 settembre 2022. REUTERS/Gaelen Morse/file foto

Il mese scorso, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Eileen Cannon ha accolto la richiesta di Trump di vietare temporaneamente al governo di utilizzare i materiali sequestrati nelle sue indagini, previa riservatezza personale o avvocato-cliente o privilegio amministrativo fino a quando il maestro speciale non lo determini. Alcune comunicazioni della Casa Bianca sono protette dalla divulgazione, quindi gli investigatori sono off-limits.

Nominato in panchina da Trump, Cannon ha nominato il giudice statunitense in pensione Raymond Deary maestro speciale. Cannon ha successivamente negato la richiesta del Dipartimento di Giustizia di revocare parzialmente il suo ordine in merito a documenti con identità segrete, segrete o top secret.

Cannon ha detto che non poteva accettare che i documenti fossero effettivamente classificati senza la revisione di Deary.

Il Dipartimento di Giustizia ha presentato ricorso alla 11th US Circuit Court of Appeals con sede ad Atlanta, che ha sospeso le decisioni di Cannon sui documenti riservati, una mossa che ha impedito a Deary di esaminarli consentendo al governo di riprendere le indagini. L’11° Circuito ha rilevato l’importanza di limitare l’accesso alle informazioni riservate e garantire che le indagini del dipartimento non siano compromesse.

L’11° Circuito ha respinto qualsiasi suggerimento secondo cui Trump avesse classificato i documenti – come ha affermato l’ex presidente – dicendo che “non c’erano prove” di tale azione e l’argomento era una ” falsa pista ” perché la declassificazione di un documento ufficiale non ne cambia il contenuto. Oppure rendilo privato”.

I tre statuti alla base del mandato di perquisizione utilizzato dall’FBI a Mar-a-Lago rendono un crimine manomettere i documenti del governo indipendentemente dal loro stato di classificazione.

READ  I Los Angeles Lakers hanno nominato Darwin Hamm come loro prossimo allenatore: Sources

L’indagine del dipartimento cerca di determinare chi ha avuto accesso ai materiali classificati, se sono stati compromessi e se alcuni account non sono stati contabilizzati.

Gli avvocati di Trump hanno precedentemente sostenuto alla Corte Suprema che Dearie potrebbe rivedere i documenti e che il Dipartimento di Giustizia ha “tentato di criminalizzare una controversia sulla gestione dei documenti, ora opponendosi con veemenza a un processo trasparente che fornisce la supervisione tanto necessaria”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportage di Andrew Chung a New York; Montaggio di Will Dunham

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.