Kansas vota per proteggere il diritto all’aborto nella costituzione dello stato | notizie americane

I Kansasns hanno ottenuto una grande vittoria per i diritti all’aborto negli Stati Uniti martedì sera quando hanno votato per continuare a proteggere l’aborto nella costituzione dello stato.

La gara è stata convocata da diversi gruppi americani come NBC News, New York Times e Decision Desk HQ.

La mossa sarà vista come una grande perdita per il movimento anti-aborto e una grande vittoria per i difensori dei diritti dell’aborto negli Stati Uniti.

Il Kansas – profondamente conservatore e generalmente repubblicano affidabile – è diventato il primo stato degli Stati Uniti a mettere ai voti il ​​diritto all’aborto dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso a fine giugno di annullare le protezioni costituzionali per l’aborto.

Ci sarà uno stato Un rifugio sicuro per l’aborto nel Midwest, uno dei pochi stati della regione in cui la pratica è legale. Da giugno altri stati hanno deciso di vietare in gran parte l’aborto.

Joe Biden ha rilasciato una dichiarazione accogliendo favorevolmente la decisione. “Questo sondaggio chiarisce ciò che sappiamo: la maggioranza degli americani concorda sul fatto che le donne dovrebbero avere accesso all’aborto e il diritto di prendere le proprie decisioni sanitarie”, ha affermato il presidente degli Stati Uniti.

La senatrice dello stato del Kansas Tina Six, democratica, ha pianto dopo il voto e si è rivolta ai suoi amici e colleghi, mostrando la pelle d’oca sulle mani.

“È incredibile. È mozzafiato che le voci delle donne vengano ascoltate e che ci preoccupiamo della salute delle donne”, ha detto al Guardian, ammettendo che pensava che il voto sarebbe stato vicino. “Ma eravamo vicini in molte zone rurali e questo ha davvero reso una differenza – sono molto grato.” Ha detto.

READ  Tracker agenzia libera NBA 2022: Zach LaVine ottiene Supermax; Jalen Brunson ai Knicks; I Celtics aggiungono Danilo Cullinari

La campagna del “No” – che difende il diritto all’aborto – è stata decisamente avanti con una maggioranza del 62% nel sondaggio. I voti sono stati contati. Milioni di dollari di perdite per la Chiesa cattolica che ha contribuito di più $ 3 milioni Sta cercando di abrogare i diritti all’aborto in Kansas, secondo i documenti finanziari della campagna.

Kansans ha votato in gran numero in un sondaggio portato alla legislatura repubblicana del Kansas martedì che è stato criticato come fuorviante, pieno di disinformazione e tattiche di repressione degli elettori.

Dopo non essere riuscito a ottenere un voto diretto, “Il Kansas non ha un diritto costituzionale statale all’aborto“, al ballottaggio nel 2020, i repubblicani hanno cambiato tattica e hanno soprannominato l’emendamento “vale entrambi”.

La votazione è prevista per agosto, quando l’affluenza alle urne è storicamente bassa, soprattutto tra indipendenti e democratici. Le parole sulla scheda elettorale Criticato per non essere stato chiaro.

“Il diritto costituzionale statale al finanziamento dell’aborto in Kansas è in ballottaggio, ma quel finanziamento non è mai stato sul tavolo”, ha detto al Guardian Mary Ziegler, esperta di diritto americano sull’aborto presso l’Università della California, Davis. Lunedi.

Kansans for Life, uno dei principali sostenitori del “sì”, ha detto a una riunione della chiesa il 27 luglio che la rimozione delle protezioni contro l’aborto in Kansas impedirebbe gli aborti tardivi, la mancanza di consenso dei genitori e il finanziamento degli aborti da parte dei contribuenti. Queste sono le leggi del Kansas. Gli aborti in Kansas sono limitati a 22 settimane per complicazioni fisiche potenzialmente letali o gravi.

È stata una campagna tesa e molto contestata da quando l’abortista George Tiller è stato ucciso da attivisti anti-aborto nel 2009.

Ma scene di giubilo sono esplose martedì sera a Kansas City durante una festa di sorveglianza per la vittoriosa campagna No. “Siamo liberi!” Mafutari Onel, 56 anni, che lavorava al bar, ha gridato dopo che le votazioni erano terminate e sono arrivate le ordinazioni delle bevande.

“Non voglio che nessun governo mi dica cosa fare. Sono molto felice”, ha detto.

In un discorso dopo che la vittoria è stata suggellata, Rachel Sweet, responsabile della campagna per Kansans for Constitutional Freedoms, ha affermato che la vittoria è arrivata contro ogni previsione.

“Sapevamo che era contro di noi sin dal momento in cui abbiamo iniziato, ma non ci siamo arresi: l’abbiamo fatto e questi numeri parlano da soli”, ha detto Sweet.

“Abbiamo bussato a decine di migliaia di porte, fatto centinaia di migliaia di telefonate… abbiamo dovuto affrontare milioni di dollari di disinformazione”, ha detto. “Non tollereremo restrizioni estreme sull’aborto nel nostro stato”.

Ashley All, portavoce di KCF, che ha guidato la campagna “No” con Planned Parenthood e ACLU, ha detto al Guardian che la chiave per aumentare l’affluenza alle urne in Kansas non è vedere l’aborto come una questione di parte.

“Abbiamo dimostrato le radici statali libere del Kansas”, ha detto. “Sarà interessante per altri stati vedere che questa non è una questione di parte. Tutti, dai repubblicani agli elettori non affiliati ai libertari intransigenti, hanno detto: ‘No, non vogliamo che il governo sia coinvolto in ciò che facciamo con i nostri corpi.’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.