Importanti conservatori rilasciano dichiarazioni che confutano le affermazioni elettorali di Trump

Il Rapporto, “Perso, non rubato: il caso conservatore che Trump ha perso e Biden ha vinto nelle elezioni presidenziali del 2020”, Trump e i suoi sostenitori hanno intentato più di 60 cause giudiziarie e hanno perso in sei stati chiave del campo di battaglia. Si è giunti a una conclusione “inequivocabile” che le affermazioni dell’ex presidente repubblicano erano insostenibili – che le affermazioni di Trump Proprio dipartimento per la sicurezza interna E pochi giorni dopo le elezioni del 2020, i funzionari elettorali a livello nazionale sono stati licenziati.
Il 6 gennaio 2021 è stato pubblicato il rapporto della House Select Committee che indagava sulla rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti. Audizioni pubbliche È collegato a un attacco che ha fatto deragliare il Congresso dal certificare la vittoria di Joe Biden al coinvolgimento di Trump negli sforzi per truccare le elezioni del 2020. La CNN riferisce che Trump sta valutando la possibilità di annunciare una corsa presidenziale già nel 2024 riportato in precedenza.

“Non ci sono prove di frode nelle elezioni presidenziali del 2020 di entità sufficiente per cambiare il risultato in nessuno stato, per non parlare della nazione nel suo insieme. In effetti, non c’è stata alcuna frode che abbia cambiato il risultato anche in uno stato”, il rapporto disse.

Nel rapporto, i giudici della corte d’appello federale in pensione Thomas P. Griffith, J. Michael Luttig e Michael W. McConnell, l’ex procuratore generale Theodore B. Olsen, ex US Sens. John Danford e Gordon H. Smith e Benjamin, un avvocato elettorale repubblicano di lunga data, hanno firmato. l. Ginsberg e il veterano del Congresso repubblicano David Hopp. Molti di loro sono critici Trump di lunga data.

READ  Michael Johnson ha accusato Toby Amusen di "razzismo nero" dopo aver messo in dubbio il suo record mondiale

“Anche ora, venti mesi dopo le elezioni, quando i sostenitori di Trump stanno attivamente cercando in ogni angolo la prova che le elezioni sono state rubate, stanno arrivando a vuoto. Le affermazioni sono fatte, strombazzate dai media comprensivi e accettate come verità da molti patrioti Americani, ma a un esame obiettivo falliscono ogni volta”.

“Le persone che diffondono affermazioni infondate secondo cui l’elezione del presidente Biden non era legittima è sbagliata e dannosa per il nostro paese”, avverte il rapporto.

Ha esaminato in dettaglio ogni caso presentato da Trump e dai suoi sostenitori in Arizona, Georgia, Michigan, Nevada, Pennsylvania e Wisconsin. Trump e i suoi sostenitori denunciano frode, irregolarità e vizi procedurali nei loro ricorsi in tribunale.

Trump e i suoi alleati hanno perso più di 60 cause legali contestando i risultati delle elezioni del 2020, osserva il rapporto. Ha rilevato che venti sono stati licenziati prima di un’audizione nel merito, 14 sono stati ritirati da Trump e dai suoi sostenitori e 30 hanno comportato un’audizione nel merito.

Il gruppo di conservatori ha affermato che Trump e i suoi sostenitori “hanno l’obbligo di riconoscere che il dibattito elettorale è finito”.

“Le questioni di legittimità elettorale dovrebbero essere risolte in modo spassionato nei tribunali, non attraverso raduni e manifestazioni – molto certamente, non attraverso l’uso di pressioni e intimidazioni politiche per indurre il Congresso a ignorare il suo dovere costituzionale e i risultati delle elezioni votate dal popolo. I processi legali degli stati colpiti sono stati esaminati e confermati”, si legge nel rapporto.

“I colleghi conservatori devono smettere di essere ossessionati dai risultati delle elezioni del 2020 e concentrarsi sulla presentazione di candidati e idee che offrono una visione positiva per superare le nostre attuali difficoltà e portare maggiore pace, prosperità e libertà alla nostra nazione”, ha esortato il gruppo.

Il panel si è tenuto il 6 gennaio Sette udienze pubbliche Finora, Trump ha ignorato gli avvertimenti della campagna Trump e del personale amministrativo che il suo piano per modificare le elezioni era illegale e che non c’erano prove di frode elettorale. Le indagini hanno anche dettagliato la campagna di pressione di Trump a vari livelli di governo e i suoi tentativi di arruolare il Dipartimento di Giustizia nei suoi sforzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.