Ilya Yashin: il critico del Cremlino incarcerato per otto anni e mezzo, ultimo colpo all’opposizione russa



Cnn

Venerdì un tribunale di Mosca ha condannato il critico del Cremlino Ilya Yashin Reclusione di otto anni e sei mesi, sec russo Il media statale RIA Novosti è un duro colpo per ciò che resta dell’opposizione del paese.

Non è chiaro se la pena detentiva di Yashin per aver diffuso “disinformazione” sull’esercito russo includa il tempo che ha già trascorso in prigione durante le udienze in tribunale.

Gli investigatori russi stanno citando le sue dichiarazioni sulle circostanze degli omicidi Luffa È un reato ai sensi della legislazione recentemente introdotta che rende illegale denigrare le forze armate russe.

In un post sul suo account ufficiale di Telegram, Yashin si è scagliato contro gli “autori” del “giudizio folle”.

“Gli autori del verdetto sono ottimisti sulle possibilità di Putin. A mio parere, sono molto ottimisti”, ha detto.

“Ma non abbiamo motivo di essere tristi, perché siamo riusciti in questo esperimento, amici miei. Questo processo è iniziato come una condanna nei miei confronti come “medico del popolo”, ma si è trasformato in un verdetto contro la guerra. Abbiamo detto la verità sulla guerra crimini e porre fine allo spargimento di sangue.In risposta, è stato ascoltato uno slogan della Guerra Fredda, che è stato espresso confusamente dall’avvocato”, ha continuato Yashin.

“Con questo folle giudizio, il governo vuole minacciarci tutti, ma in realtà mostra solo la sua debolezza. I leader forti sono calmi e fiduciosi, e solo quelli deboli cercano di chiudere tutti e bruciare qualsiasi opposizione. Quindi, devo ripeti oggi quello che ho detto il giorno del mio arresto: non ho paura e nemmeno tu dovresti averne”, si legge nel post.

Prima della sentenza, lunedì Yashin ha rilasciato una dichiarazione al giudice, al presidente Vladimir Putin e al pubblico russo nelle osservazioni conclusive della corte. “Mi hanno zittito, come se mi fosse sempre proibito parlare. Tutti capiscono che questo è il punto”, ha detto.

“Sono stato isolato dalla società perché volevano che tacessi. Prometto che non lo sarò mai finché vivrò. È mio dovere dire la verità. Non rinuncerò alla verità nemmeno dietro le sbarre. Soprattutto, il citazione classica: “Le bugie sono la religione degli schiavi”.

Yashin è anche uno stretto collaboratore del leader dell’opposizione russa imprigionato Alexei NavalnyÈ salito alla ribalta durante le proteste che ha contribuito a organizzare tra il 2011 e il 2012 contro la rielezione di Putin per un terzo mandato.

Yashin è stato un convinto critico di Putin per anni ed è stato deputato municipale in un piccolo comune di Mosca prima che gli venisse impedito di candidarsi nuovamente a cariche pubbliche.

A giugno è stato condannato a 15 giorni di carcere per aver disobbedito alla polizia, cosa che ha descritto come parte di una campagna per fare pressioni sulle autorità affinché lasciassero la Russia.

Navalny ha bevuto del veleno Con un agente nervino nel 2020, diversi funzionari occidentali sono stati attaccati e Navalny ha accusato apertamente il Cremlino. La Russia ha negato qualsiasi coinvolgimento.

Dopo aver trascorso cinque mesi in Germania per riprendersi dall’avvelenamento da Novichok, Navalny è tornato a Mosca lo scorso anno, dove è stato immediatamente arrestato per aver violato i termini della libertà vigilata imposti dal caso del 2014. All’inizio di quest’anno, Navalny è stato condannato a nove anni di carcere con l’accusa di frode che sosteneva essere politicamente motivata.

Navalny ha criticato la detenzione di Yashin venerdì. “Un altro verdetto spudorato e illegale di Putin non metterà a tacere Ilya e minaccerà il popolo onesto della Russia”, ha detto in una dichiarazione pubblicata sui suoi account sui social media.

“Questo è un altro motivo per cui dobbiamo combattere, e non ho dubbi che alla fine vinceremo”.

Navalny ha dichiarato nella dichiarazione che Yashin è stato il primo amico che ha stretto in politica e lo conosceva da quando aveva 18 anni. “Conoscendo Yashin da così tanto tempo, non proverò a scrivere” Aspetta, Ilya “. Quindi so che ha fatto tutto bene e sopporterà tutto “, ha detto.

Navalny ha concluso dicendo che era orgoglioso di Yashin e che lui e la Russia sarebbero stati liberi.

Andrei Soldatov, ricercato dalla Russia e giornalista investigativo russo che vive in esilio a Londra, ha detto alla CNN che Yashin era “una persona molto coraggiosa” che “ha scelto di restare in Russia e di parlare contro la guerra”.

Credeva che Yashin fosse un simbolo della resistenza russa alla guerra.

READ  Migos Rapper Takeoff Morto a 28 anni, girato a Houston

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.