Il sentimento dei costruttori di case si attenua di nuovo, ma il fondo potrebbe essere vicino

Un operaio cammina sul tetto di una nuova casa in costruzione a Carlsbad, in California.

Mike Blake | Reuters

I costruttori di case erano meno ottimisti sulla loro attività a dicembre, ma stanno iniziando a vedere germogli verdi.

Nel National Association of Home Builders/Wells Fargo Housing Market Index, il sentimento dei costruttori nel mercato delle abitazioni unifamiliari è sceso di due punti a 31 a dicembre. Qualsiasi valore inferiore a 50 è considerato negativo.

Questo è stato il dodicesimo calo mensile e il livello più basso dalla metà del 2012, ad eccezione del calo più basso all’inizio della pandemia di Covid. L’indice si è attestato a 84 nel dicembre dello scorso anno.

“Il lato positivo di questo rapporto HMI è che questo è il calo più piccolo dell’indice negli ultimi sei mesi, indicando che ci stiamo avvicinando al fondo del ciclo per il sentimento dei costruttori”, ha affermato Robert Dietz, capo economista della NAHB. “I tassi dei mutui sono scesi da oltre il 7% nelle ultime settimane Oggi circa il 6,3%E per la prima volta da aprile, i costruttori hanno aumentato le aspettative di vendita future”.

Tra le tre componenti dell’indice, le attuali condizioni di vendita sono scese di tre punti a 36, ​​il traffico degli acquirenti è rimasto invariato a 20, ma le aspettative di vendita nei prossimi sei mesi sono aumentate di quattro punti a 35.

A livello regionale, il sentiment è stato più forte nel nord-est e più debole nell’ovest, dove i prezzi erano più alti.

La NAHB continua a dare la colpa agli alti tassi ipotecari che, nonostante il recente calo, sono più del doppio rispetto a un anno fa. Ciò ha portato a un calo dell’accessibilità.

READ  L'S&P 500 rinuncia a guadagni e ribassi mentre le azioni Apple e Tesla scendono

“In questo ambiente di alta inflazione e mutuo elevato, i costruttori stanno lottando per mantenere le case a prezzi accessibili per gli acquirenti di case”, ha affermato il presidente della NAHB Jerry Gonter, un costruttore e sviluppatore con sede a Savannah, in Georgia. “Il nostro recente sondaggio ha rilevato che il 62% dei costruttori utilizza incentivi per promuovere le vendite, tra cui l’acquisto di un mutuo, il pagamento dei punti degli acquirenti e l’offerta. Sconto.”

Ma con i costi di costruzione in aumento di oltre il 30% dall’inizio dell’anno, Kanter ha osservato che i costruttori stanno ancora lottando per mantenere bassi i prezzi. Circa il 35% dei costruttori ha tagliato i prezzi delle case a dicembre, rispetto al 36% di novembre. La riduzione media dei prezzi è stata dell’8%, dal 5% dell’anno precedente al 6%.

“NAHB prevede che le deboli condizioni abitative continueranno nel 2023 e prevediamo una ripresa nel 2024, con una carenza di alloggi a livello nazionale di 1,5 milioni di unità e tassi ipotecari più bassi attesi in futuro, quando la Fed allenterà la politica monetaria nel 2024”, ha affermato Dietz. . .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.