Il petrolio sale di $ 3 mentre l’OPEC+ pianifica i maggiori tagli alla produzione dal 2020

  • L’OPEC+ sta valutando tagli di oltre 1 milione di barili al giorno, affermano le fonti
  • Tassi di interesse, dollaro forte pesano sui mercati
  • L’Unione Europea ha imposto un divieto al commercio petrolifero offshore russo

HOUSTON, 3 ott (Reuters) – I prezzi del petrolio sono aumentati di 3 dollari al barile lunedì mentre l’OPEC+ ha tagliato la produzione di 1 milione di barili al giorno (bpd), il taglio più grande dall’inizio del Covid-19. Distribuzione internazionale.

Il greggio Brent con consegna a dicembre è aumentato di $ 2,99 a $ 88,13 al barile, con un aumento del 3,5%, entro le 12:50 ET (1650 GMT). Il greggio US West Texas Intermediate è aumentato di $ 3,33, o del 4,2%, a $ 82,82 al barile.

I prezzi del petrolio hanno continuato a scendere nei quattro mesi da giugno poiché i blocchi del COVID-19 nella Cina dei principali consumatori di energia hanno danneggiato la domanda, mentre l’aumento dei tassi di interesse e un aumento del dollaro USA pesano sui mercati finanziari globali.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati, noti collettivamente come OPEC+, taglieranno la produzione di oltre 1 milione di barili al giorno prima della riunione di mercoledì, hanno detto a Reuters fonti dell’OPEC+.

Quel numero non include ulteriori tagli volontari da parte dei singoli membri, ha aggiunto una fonte dell’OPEC.

La maggior parte dei trader si aspettava tagli di circa 50.000 bpd, ha affermato Dennis Kiesler, vicepresidente senior del trading di BOK Financial.

Se concordato, sarebbe il secondo taglio mensile consecutivo del gruppo dopo aver tagliato la produzione di 100.000 bpd il mese scorso.

READ  Il rischio di incendio aumenta con la diffusione degli incendi di McKinney nella California settentrionale

“Dopo un anno di prezzi molto alti, obiettivi mancati e mercati molto rigidi, il blocco (OPEC+) non esita ad agire rapidamente per sostenere i prezzi in un contesto economico in peggioramento”, ha affermato l’analista di mercato di Oanda Craig Erlam. .

L’OPEC+ ha mancato i suoi obiettivi di produzione di quasi 3 milioni di barili al giorno a luglio, hanno affermato due fonti del gruppo di produttori, poiché le sanzioni su alcuni membri e i bassi investimenti da parte di altri hanno ostacolato la loro capacità di aumentare la produzione.

Mentre i prezzi del Brent potrebbero rafforzarsi nel breve termine, le preoccupazioni per una recessione globale potrebbero limitare il rialzo, ha affermato FGE.

“Se l’OPEC+ deciderà di tagliare la produzione nel breve termine, l’aumento della capacità inutilizzata dell’OPEC+ eserciterà ulteriori pressioni al ribasso sui prezzi a lungo termine”, si legge in una nota venerdì.

L’indice del dollaro è sceso per il quarto giorno consecutivo lunedì dopo aver raggiunto il livello più alto degli ultimi due decenni. Un dollaro a buon mercato può aumentare la domanda di petrolio e sostenere i prezzi.

Goldman Sachs ha affermato di sperare che i tagli all’offerta dell’OPEC+ possano aiutare a compensare un grande esodo di investitori petroliferi, causando una sottoperformance dei prezzi dei fondamentali.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

(Segnalazione di Noah Browning, reportage aggiuntivo di Florence Tan e montaggio di David Goodman, Paul Simao e David Gregorio)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.