Il parlamento israeliano ha votato per lo scioglimento, innescando la quinta elezione in quattro anni

Venerdì, il ministro degli Esteri Yair Lapid assumerà ufficialmente la carica di primo ministro provvisorio secondo i termini di un accordo di coalizione raggiunto tra il primo ministro uscente dello scorso anno Naftali Bennett e Lapid. L’inaugurazione formale non avverrà in quanto Lapit, ex giornalista e conduttore televisivo, è un primo ministro ad interim.

Il voto 92-0 di giovedì pone finalmente fine alla lenta mossa di Bennett per diventare primo ministro – una delle più brevi nella storia di Israele – e apre la strada al ritorno al potere dell’ex primo ministro Benjamin Netanyahu.

Quando il referendum finì, Lobid e Bennett si abbracciarono, si abbracciarono e si scambiarono i seggi, e Lobid divenne primo ministro.

Mentre stavano lasciando il sito della Knesset, Bennett prese accidentalmente il cellulare di Lobit. “Mio fratello,” disse Lapid, “mi hai alzato il telefono.” Bennett ha risposto: “Fratello mio, hai preso il mio lavoro”.

Il 1° novembre si terranno nuove elezioni, il quinto turno di votazioni per gli israeliani in quattro anni. Un recente sondaggio mostra che il partito Likud dell’ex primo ministro Netanyahu è sulla buona strada per vincere più seggi, ma i sondaggi mostrano che la sua coalizione di destra dovrebbe avere abbastanza seggi per ottenere una maggioranza parlamentare e formare un governo al governo. .

Parlando in parlamento prima del voto di scioglimento, Netanyahu ha promesso di tornare al potere.

“Siamo l’unica alternativa: un governo nazionale forte, stabile e responsabile. Un governo che restituirà il rispetto nazionale ai cittadini di Israele”, ha detto Netanyahu.

La notte prima dello scioglimento, Bennett annunciò che si sarebbe dimesso dalla politica e non si sarebbe più candidato alla carica.

READ  Taylor Hawkins rivela il suo disagio per il programma del tour dei Fu Fighters prima di morire, dicono gli amici

“Rimarrò un soldato leale in questo paese, avendo servito per tutta la vita come soldato, ufficiale, ministro e primo ministro. La nazione di Israele è l’amore della mia vita. È il mio destino servirla”, ha detto Bennett . Nel suo discorso al Paese. “Ora è il momento per me di fare un passo indietro. Guarda le cose dall’esterno.”

Il governo di coalizione vacillava da settimane. Ma la scorsa settimana Bennett e Lobit hanno annunciato di voler sciogliere il proprio governo e cedere il potere a Lobid.

“Nelle ultime settimane, abbiamo fatto tutto il possibile per salvare questo governo. A nostro avviso, la sua esistenza ha continuato a essere nell’interesse nazionale”, ha detto Bennett mentre era con Lobit all’inizio di questo mese.

“Fidati di me, abbiamo guardato sotto ogni roccia. Non lo abbiamo fatto per noi stessi, ma per il nostro bellissimo paese, per i cittadini di Israele”, ha aggiunto Bennett.

Il governo Bennett-Labid si è insediato nel giugno dello scorso anno, ponendo fine al mandato di 12 anni di Netanyahu come primo ministro.

Con non meno di otto partiti politici, la coalizione si estende attraverso lo spettro politico, incluso per la prima volta un partito arabo guidato da Mansour Abbas.

Nel maggio 2020 si è unito al desiderio di impedire a Netanyahu, che aveva già avviato un’indagine sulla corruzione, di continuare al potere, con vari partner della coalizione che hanno accettato di mettere da parte le loro differenze significative.

Nonostante i suoi significativi risultati interni e diplomatici, fu la politica interna che alla fine rovesciò la coalizione.

Le ultime settimane hanno visto molti membri della coalizione uscire o minacciare di andarsene.

READ  Lo Stato sollecita il vaccino contro la poliomielite nelle acque reflue di New York

La situazione di stallo politico è giunta al culmine all’inizio di questo mese, quando la Knesset non ha tenuto un referendum sull’applicazione del diritto penale e civile israeliano agli israeliani nella Cisgiordania occupata.

Tra le altre cose, questo regolamento, che viene rinnovato ogni cinque anni, prevede lo stesso trattamento legale per i coloni israeliani nei territori palestinesi all’interno dei confini israeliani ed è un articolo promettente per i membri di destra della coalizione. Compreso il primo ministro Bennett.

Ma due membri della coalizione si sono rifiutati di sostenere il disegno di legge, dicendo che non era stato approvato.

Poiché il parlamento è stato sciolto prima della scadenza della legge il 1° luglio, il regolamento rimarrà in vigore fino alla formazione del nuovo governo, a quel punto si tornerà alle urne.

Andrew Carey ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.