Il nuovo documentario rivela che Benz sta reagendo alla decisione di attuare il 25° emendamento per rimuovere Trump dal potere.

In una clip del documentario del regista Alex Holder ottenuto dalla CNN, Benz ha mostrato ai membri del suo staff un’e-mail contenente un progetto di risoluzione della Camera che chiedeva l’attuazione del 25° emendamento per rimuovere Trump dal potere. Documentario.

Pence dice “sì, fantastico” quando dà il telefono al suo assistente con un’e-mail. Poi sorride con rabbia e chiede all’assistente “Dimmi di stampare una copia cartacea per il viaggio di ritorno”. Pence poi si riunisce per il resto dell’intervista.

La clip successiva mostra Benz che dice: “Sono sempre stato ottimista sull’America”, nel contesto dell’equipaggio che erige una recinzione di sicurezza attorno all’edificio del Campidoglio.

Il filmato di un’intervista inedita a Benz è stato catturato entro una settimana da ribelli pro-Trump che attaccavano la capitale degli Stati Uniti nel tentativo di bloccare il certificato di vittoria elettorale di Joe Biden. Benz ha dovuto essere evacuato in salvo tra i manifestanti che gli chiedevano di “impiccare Mike Pence”.

La stessa sera in cui Benz è stato intervistato, The La Camera ha approvato la delibera Pence deve attuare il 25° emendamento per rimuovere Trump dal potere e squalificarlo dall’incarico. Solo Adam Kinsinger, un repubblicano dell’Illinois, ha votato a favore della risoluzione, un voto simbolico preso un giorno, il 13 gennaio 2021, prima che la Camera destituisse Trump per un secondo mandato.
Dopo aver votato, Benz ha inviato una lettera La speaker Nancy Pelosi ha detto che non avrebbe insistito sul 25° emendamento. “La scorsa settimana, non ho ceduto alla pressione per esercitare un potere al di là della mia autorità costituzionale per determinare l’esito delle elezioni, e non mi sottometterò più agli sforzi della Camera dei Rappresentanti per giocare a giochi politici nel momento più serio in la mia vita”, ha scritto Pence.

In una breve clip del prossimo documentario sulla società madre della CNN, Discovery Plus, Benz non ha commentato il contenuto della risoluzione. Ma il video è ora un piccolo esempio dei contenuti extra del team. Tuttavia, durante la sua intervista, il documentario afferma che l’ex vicepresidente si è rifiutato di discutere di qualsiasi cosa relativa al 6 gennaio.

READ  La Corte Suprema ha sospeso un'ordinanza che richiedeva a Graham di testimoniare davanti a un gran giurì

Holder, il regista, è apparso giovedì a porte chiuse per una confessione al comitato il 6 gennaio, quasi sei mesi dopo essere stato dietro le quinte per le figure chiave di Trump e lo stesso ex presidente.

In una clip di un’intervista con Trump a Mar-a-Lago nel marzo 2021, all’ex presidente è stato chiesto direttamente cosa fosse successo il 6 gennaio.

“Beh, è ​​un giorno triste, ma è stato un giorno di grande rabbia nel nostro paese e più persone sono andate a Washington perché erano arrabbiate per le elezioni che pensavano fossero una frode”, ha detto Trump.

“Una piccola parte, sai, è andata al Campidoglio, e poi una piccolissima parte di loro è entrata”, ha continuato Trump. “Ma posso dirti che erano arrabbiati dal punto di vista di quello che è successo alle elezioni perché erano intelligenti, vedono, hanno visto cosa è successo. Spero che questa sia una parte importante di quello che è successo il 6 gennaio”.

Il documentario in tre parti “senza precedenti” di Holder sulle elezioni del 2020 sarà pubblicato entro la fine dell’estate su Discovery Plus. Il documentario contiene scene mai viste prima durante la campagna elettorale della famiglia Trump e le loro reazioni ai risultati elettorali.

Trump e i suoi alleati non hanno ancora risposto pubblicamente alla notizia che Holder sia stato sabotato dal gruppo o a quanto ora rivelato nelle interviste tenute dal gruppo.

Secondo le clip rilasciate da Discovery Plus e le clip ottenute dalla CNN, il documentario presenta interviste con Trump e i suoi tre figli: Ivanka, Dan Jr. ed Eric.

Come Trump, i suoi familiari parlano direttamente alla telecamera. Queste interviste possono fornire una nuova prospettiva su ciò che hanno detto coloro che erano vicini all’ex presidente prima e dopo il 6 gennaio.

READ  L'amministrazione Trump dovrebbe raggiungere un patteggiamento con Weiselberg

In un cortometraggio ottenuto dalla CNN a dicembre 2020, Ivanka Trump ha detto al regista: “Come ha detto il presidente, ogni voto deve essere contato e ascoltato. Ha fatto una campagna per i senza voce”.

La clip sembra dalla stessa parte dell’intervista, Pubblicato per la prima volta dal New York Times Martedì sera e confermato dalla Cnn, dove Ivanka Trump ha detto che suo padre “deve continuare a combattere fino a quando non sarà raggiunto ogni accordo legale” perché le persone hanno messo in dubbio la “santità delle nostre elezioni”.
L’intervista è arrivata pochi giorni dopo l’allora procuratore generale William Barr Detto pubblicamente Non ci sono prove di una diffusa frode elettorale. Sotto giuramento, Ivanka Trump ha detto alla commissione il 6 gennaio che la valutazione di Barry “ha influenzato il mio punto di vista” e “ha accettato ciò che ha detto”.

Quei commenti sembrano contraddire il sentimento che ha espresso nell’intervista documentaria.

In questo documentario Benz parla in dettaglio del processo di scelta di Trump come suo partner. Parla di Trump che invita la sua famiglia nel suo giardino a Bedminster, nel New Jersey, e che gioca a golf con l’allora candidato GOP come parte della sua campagna di test.

Prima di guardare la clip dell’intervista di Trump, il documentario rileva come Trump abbia attaccato Pence il 6 gennaio, mentre i rivoltosi chiedevano la sua esecuzione.

“Penso di trattare bene le persone. Se non trattano bene me, vai in guerra”, dice Trump.
La storia è stata aggiornata per includere la lettera di Benz al presidente Pelosi che rifiuta di attuare il 25° emendamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.