Il G7 ha imposto un embargo sull’oro alla Russia prima del vertice all’ombra della guerra

  • Il primo ministro britannico afferma che il divieto di obiettivi d’oro è la “macchina da guerra” di Putin
  • Secondo fonti tedesche, si discute anche del limite del prezzo all’importazione del petrolio
  • Il G7 mira anche ad affrontare l’aumento dei prezzi dell’energia

SCHLOSS ELMAU, Germania, 26 giugno (Reuters) – I membri del Gruppo dei sette paesi più ricchi hanno annunciato domenica il divieto di importazione di oro russo mentre il vertice del G7 inizia nelle Alpi bavaresi all’ombra della guerra in Ucraina. Mancanza di energia per la crisi alimentare.

La mossa di Gran Bretagna, Stati Uniti, Giappone e Canada fa parte degli sforzi per inasprire le sanzioni contro Mosca e tagliare i suoi mezzi per finanziare l’invasione dell’Ucraina, e il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto un’operazione militare speciale per più di quattro mesi . .

“Le misure che abbiamo annunciato oggi attaccheranno direttamente l’oligarchia russa e colpiranno il cuore della macchina da guerra di Putin”, ha dichiarato il primo ministro britannico Boris Johnson in una nota.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Dobbiamo far morire di fame l’amministrazione finanziaria di Putin. Questo è ciò che stanno facendo il Regno Unito ei nostri alleati”.

Un alto portavoce dell’amministrazione statunitense ha affermato che martedì il G7 rilascerà un annuncio ufficiale sul divieto delle importazioni di oro. leggi di più

“È un’importante esportazione e la principale fonte di entrate della Russia in termini di capacità di negoziare con l’Organizzazione finanziaria mondiale”, ha affermato il funzionario statunitense.

Le esportazioni di oro dalla Russia valevano 12,12,6 miliardi di dollari (15,45 miliardi di dollari) l’anno scorso e il governo britannico afferma che i ricchi russi stanno acquistando oro per mitigare l’impatto finanziario delle sanzioni occidentali.

READ  La FIFA chiede modifiche tardive al programma della Coppa del Mondo in Qatar

Secondo fonti del governo tedesco, i leader del G7 stanno tenendo colloqui “davvero costruttivi” su un possibile price cap sulle importazioni di petrolio russo. leggi di più

Il messaggio di unità

Il vertice di tre giorni si svolge in uno sfondo più oscuro rispetto allo scorso anno, con i leader britannici, canadesi, francesi, tedeschi, italiani, giapponesi e americani che si incontrano per la prima volta dallo scoppio dell’epidemia di COVID-19.

Mentre le Nazioni Unite avvertono di una “crisi di carestia globale senza precedenti”, l’aumento dei prezzi globali dell’energia e dei generi alimentari sta danneggiando la crescita economica sulla scia del conflitto in Ucraina. leggi di più

All’ordine del giorno anche il cambiamento climatico, la Cina sempre più stabile e l’ascesa della dittatura.

I leader del G7 dovrebbero mostrare un fronte unito per sostenere l’Ucraina quanto necessario e aumentare la pressione sul Cremlino, anche se vogliono evitare sanzioni che potrebbero innescare l’inflazione e esacerbare la crisi del costo della vita che colpisce il loro stesso popolo.

“Il messaggio chiave del G7 è la solidarietà e il coordinamento dell’azione”, ha affermato un funzionario dell’UE.

I leader del G7 dovrebbero discutere le opzioni per affrontare l’aumento dei prezzi dell’energia e lo spostamento delle importazioni russe di petrolio e gas.

Il vertice offre al cancelliere tedesco Olaf Scholes l’opportunità di dimostrare una leadership più determinata nella crisi ucraina.

READ  Un aereo militare Osprey che trasporta cinque marines si schianta in California

Dopo l’invasione russa di febbraio, Sholes ha promesso una rivoluzione nella politica estera e di difesa tedesca, rafforzando l’esercito e inviando armi in Ucraina. Ma i critici lo hanno accusato di trascinare i piedi e di aver inviato messaggi contrastanti.

Partner globali

Quest’anno Scholz ha invitato Senegal, Argentina, Indonesia, India e Sud Africa come partner del vertice.

“Il vertice non dovrebbe solo inviare il messaggio che la NATO e il G7 sono più uniti che mai, ma che le democrazie del mondo sono unite contro l’imperialismo di Putin come lo sono nella lotta contro la fame e la povertà”, ha detto Scholes alla Germania. Parlamento questa settimana.

Molti paesi del sud del mondo sono preoccupati per il danno parallelo delle sanzioni occidentali.

Un funzionario dell’UE ha affermato che i paesi del G7 sarebbero attratti dal fatto che le azioni della Russia si tradurrebbero in un aumento dei prezzi dei generi alimentari e senza restrizioni sul cibo. È anche sbagliato pensare alla guerra in Ucraina come a un affare locale.

“Questo è più di questo. Mette in discussione l’ordine del secondo dopoguerra”, ha detto il funzionario.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Sarah Marsh, Andrea Schall, Philip Fleinkinsab e William Skomberg Scritto da Sarah Marsh e Matthias Williams A cura di Peter Groff e David Goodman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.