Il forte mercato immobiliare trimestrale di Home Depot è ancora in crescita

Martedì ha registrato un profitto migliore del previsto nelle vendite e nei ricavi per il primo trimestre e ha aumentato le sue prospettive per il resto dell’anno fiscale. Azioni Deposito domestico (HD)Uno su 30 azioni ColombaInizialmente il mercato era in rialzo di oltre il 3% prima dell’inizio, ma è sceso leggermente nella negoziazione mattutina.
Le azioni sono aumentate ampiamente nonostante martedì Reddito debole Dal rivenditore Walmart (WMT)Dì un’altra colomba, È sceso di circa il 9%. Concorrente di Home Depot Basso (Basso)I suoi guadagni del primo trimestre si riferiranno mercoledì, in calo di circa il 2%.
Home Depot è fermo Quest’anno è stato un inizio difficile A causa degli alti tassi di interesse e dell’elevata inflazione, gli investitori sono preoccupati per la flessione delle abitazioni. Nonostante le buone notizie di martedì, le azioni sono ancora in calo di quasi il 30% nel 2022.
Ma il nuovo CEO è Ted Decker, che È subentrato a Craig Manier, capo dello storico Home Depot All’inizio di quest’anno, è stato emozionante. Ha notato in un comunicato delle entrate che le vendite sono aumentate di quasi il 4% a $ 38,9 miliardi un anno prima, il più alto nel primo trimestre della storia dell’azienda.

“La solida performance di questo trimestre è ancora più impressionante rispetto alla crescita storica dell’anno scorso e quest’anno abbiamo dovuto affrontare un inizio lento della primavera”, ha affermato Decker.

Durante una teleconferenza con gli analisti, Decker ha aggiunto: “I clienti continuano a dirci che le loro case non sono mai state così importanti e che le battute d’arresto del progetto sono molto più sane”. “Le basi a medio e lungo termine della domanda per il miglioramento della casa non sono mai state solide”, ha affermato.

READ  Xi visita Hong Kong trasformata dalla repressione: aggiornamenti in tempo reale

I solidi numeri di Home Depot possono aiutare ad alleviare alcune delle preoccupazioni per la recessione e il possibile calo dei prezzi delle case.

Sì, i piani di aumento dei tassi della Federal Reserve potrebbero portare a tassi ipotecari ancora più elevati. Ma gli esperti sottolineano che le vendite di case devono continuare a bruciare in combinazione con una scarsa offerta di nuove case e un mercato del lavoro più sano. Questo è buono per i depositi domestici.

Tassi ipotecari più elevati “riverseranno senza dubbio acqua fredda sul mercato interno”, ha affermato Joe Lavorghna, capo economista di Natixis CIB, in una dichiarazione.

Ma ha aggiunto: “È insolitamente difficile diagnosticare un crollo dei prezzi delle case a causa di una cronica carenza di alloggi a livello nazionale, esacerbata dal boom edilizio epidemico e dagli attuali problemi della catena di approvvigionamento che impediscono il completamento di nuove case”.

Lavorghna pensa, “la revisione media a una cifra dei prezzi delle case il prossimo anno è perfettamente ragionevole”.

In altre parole, è improbabile che i prezzi delle case scendano così completamente come alla fine degli anni 2000. Questa non è una ricorrenza del boom dei mutui subprime e del successivo crollo.

“Il problema principale per le case è ancora la mancanza di offerta. Non c’è abbastanza spazio all’esterno per soddisfare la domanda”, ha affermato Laura Adams, analista immobiliare senior presso Aceable, un sito di formazione immobiliare online. “Non ci aspettavamo che scoppiasse in un’altra bolla. Potrebbe gradualmente raffreddarsi quest’anno e il prossimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.