I migliori anni di Hyundai in America affrontano il test deflazionistico

Drew Gopher | Getty Images Notizie | Belle foto

Savana, Ga. — Hyundai Motor Group L’America ha sempre avuto gli anni migliori

La casa automobilistica sudcoreana è passata con successo da veicoli economici e criceti danzanti a competere con potenti case automobilistiche nel redditizio mercato statunitense.

Si prevede che i marchi Hyundai, Kia e Genesis dell’azienda cattureranno quasi l’11% del mercato dei veicoli nuovi negli Stati Uniti quest’anno, segnando il volume più alto da quando la casa automobilistica è entrata nel paese nel 1986. anno, solo all’indietro Tesla Entro il terzo trimestre.

Ma se la quarta casa automobilistica più grande del mondo per vendite lo scorso anno, specialmente nei veicoli elettrici, possa continuare quella serie di vittorie è discutibile. Ad agosto, gli acquirenti di Hyundai hanno perso crediti d’imposta federali relativi all’acquisto di veicoli elettrici. La legislazione deflazionistica dell’amministrazione Biden.

Case automobilistiche nazionali, compresi i concorrenti più vicini di Hyundai nei veicoli elettrici – Tesla, Motore Ford E Motori generali – Maggiore affidabilità creditizia. Tutti i veicoli elettrici di Hyundai sono attualmente importati negli Stati Uniti, sebbene produca diversi modelli alimentati a gas negli stabilimenti in Alabama e Georgia.

Hyundai MotorCo. Il CEO Jaehoon “Jay” Chang ha descritto la perdita di incentivi come una “questione molto impegnativa” in un’intervista esclusiva con CNBC. Ma ha affermato di ritenere che la casa automobilistica possa continuare la sua crescita a lungo termine negli Stati Uniti.

“L’IRA, a breve termine, pone alcuni limiti alla discrezionalità dei consumatori”, ha detto Chang alla CNBC il mese scorso, mentre la società celebrava l’apertura di un nuovo impianto di veicoli elettrici e batterie da 5,5 miliardi di dollari in Georgia. “A lungo termine… abbiamo un piano molto solido… penso che possiamo competere”.

Hyundai, Genesis e Kia hanno tutte sede a Seoul, in Corea del Sud, ma operano principalmente separatamente negli Stati Uniti.

IRA di navigazione

Hyundai, Kia e altre case automobilistiche non nazionali sono state strenue oppositori delle nuove disposizioni sul credito d’imposta sui veicoli elettrici ai sensi dell’IRA. La legislazione approvata dal Congresso ad agosto ha immediatamente eliminato fino a 7.500 dollari di crediti d’imposta per i veicoli ibridi ed elettrici plug-in importati al di fuori del Nord America e venduti negli Stati Uniti.

Hyundai lavora a stretto contatto con le autorità pubbliche negli Stati Uniti e in Corea del Sud Modificare i regolamenti o esentare la casa automobilistica, ha detto Chang. Funzionari statunitensi hanno confermato che tali discussioni sono in corso, compreso un incontro la scorsa settimana tra il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Catherine Doi e il ministro del Commercio della Corea del Sud Ahn Dukyun.

Hyundai sostiene che il suo investimento in Georgia – il più grande progetto di sviluppo economico nella storia di quello stato – dovrebbe contare qualcosa in termini di riforma dell’IRA.

I dirigenti e i funzionari governativi di Hyundai prendono la parola martedì 25 ottobre 2022 al nuovo “MetaPlant America” ​​​​della casa automobilistica nella contea di Bryan, in Georgia.

CNB | Michael Weland

I dirigenti citano anche Stati Uniti e Corea del Sud Avere un contratto gratuito Nel parcheggio. (I veicoli costruiti in Messico e Canada sono ancora idonei per i crediti.)

Il presidente e direttore operativo di Hyundai Motor Global, Jose Munoz, ha rifiutato di rivelare l’impatto finanziario specifico della perdita di crediti, ma ha descritto Un duro colpo per i profitti della casa automobilistica.

Steven Senter, chief operating officer di Kia America, ha detto che le intenzioni dell’IRA erano buone per l’America, ma “hanno tirato fuori il tappeto da sotto tutti”.

Crediti EV o meno, i dirigenti hanno affermato che il nuovo stabilimento in Georgia, annunciato pochi mesi prima dell’entrata in vigore dell’IRA, è l’apice della crescita di Hyundai negli Stati Uniti nei suoi nuovi prodotti negli ultimi anni.

“Stiamo cercando di fare tutto il possibile, ma onestamente è sempre una sfida, con tipi di prodotti innovativi e dirompenti. Ma finora credo che siamo sulla strada giusta per rispondere alle esigenze dei clienti”. disse Chang. “Vogliamo essere diversi”.

Prodotti ‘diversi’

Non guardare oltre i nuovi veicoli Hyundai per dimostrare che l’azienda è “diversa”. Le futuristiche Kia EV6 e Hyundai Ioniq 5 della casa automobilistica sono tutte pronte a decollare nello spazio.

Nel frattempo, i SUV Hyundai Palisade e Kia Telluride sono stati i veicoli più richiesti nel paese sin dal loro lancio nel 2019.

La Kia EV6 è in mostra al New York Auto Show il 13 aprile 2022.

Scott Mulino | CNBC

I dirigenti hanno notato che l’introduzione sia di Telluride che di Palisade, seguite da Kia EV6 e Hyundai Ioniq 5, sono stati importanti punti di svolta nei piani di prodotto dell’azienda.

“Telluride sta attirando clienti benestanti, più giovani e più istruiti. Sono tutti vincitori. È un vero punto di svolta”, ha affermato il centro, riferendosi a SUV e veicoli elettrici come “cicli d’oro” per Kia. “Stiamo ancora cercando e cresceremo il più velocemente possibile”.

I SUV e i veicoli elettrici hanno seguito l’ingresso a sorpresa e ben accolto della casa automobilistica nel mercato del lusso nel 2015 con il marchio Genesis..

Genesis ha ottenuto buoni risultati nelle classifiche influenti di Consumer Reports, JD Power e altri. Al Los Angeles Auto Show della scorsa settimana, Genesis ha conquistato un posto d’onore con un nuovo concept car convertibile e la sua berlina G90 è stata nominata Motor Trend Car del 2023.

EV concept convertibile Genesis X

Genesi

“Il linguaggio del design è un grande elemento di differenziazione per noi”, ha affermato Chang. “Lasceremo libertà al designer”.

Anche il minivan Kia Carnival dell’azienda, un segmento che molti hanno abbandonato, è stato elogiato per il suo design e la sua funzionalità da SUV.

Aumento di Hyundai

L’ascesa di Hyundai e Kia è impressionante rispetto ad altre case automobilistiche non nazionali.

“Quando sono usciti, avevano la reputazione di essere economici”, ha affermato Jake Fisher, direttore senior dei test automatici presso Consumer Reports. “Nel corso degli anni, è passato da economico a molto competitivo per il valore.”

Toyota, con sede in Giappone, ha accumulato vendite negli Stati Uniti per decenni, entrando nell’industria automobilistica statunitense con auto di piccole dimensioni nel 1957 e raggiungendo una quota di mercato del 10,4% negli Stati Uniti nel 2002, secondo i documenti pubblici. Ora è la più grande casa automobilistica del mondo per vendite negli ultimi anni.

Hyundai ha raggiunto il 10% della quota di mercato negli Stati Uniti lo scorso anno, circa 10 anni più velocemente di Toyota, secondo LMC Automotive. La società di ricerca e previsione prevede che la quota di mercato statunitense di Hyundai raggiungerà il 10,7% prima di scendere al 9,7% nel 2025 poiché la produzione di veicoli elettrici dovrebbe iniziare in un nuovo stabilimento in Georgia.

“Penso che Hyundai, Kia e Genesis abbiano davvero accorciato quel lasso di tempo. Sono passati dall’essere solo veicoli da seminterrato a un lusso competitivo a un lusso competitivo in un periodo di tempo relativamente rapido”, ha detto Fisher.

Le vendite di veicoli Hyundai e Kia sono aumentate di circa il 61% dal 2010, raggiungendo più di 1,4 milioni di veicoli negli Stati Uniti lo scorso anno. Nonostante un previsto calo delle vendite quest’anno a causa di problemi della catena di approvvigionamento, la società dovrebbe comunque guadagnare quote di mercato.

È la stessa storia con le vendite di veicoli elettrici. LMC prevede che quest’anno le vendite dei veicoli completamente elettrici di Hyundai rappresenteranno il 9,2% del mercato dei veicoli elettrici negli Stati Uniti. Si prevede che tale percentuale rimarrà il picco dell’azienda almeno fino al 2024 o al 2025, quando il nuovo impianto in Georgia entrerà in funzione.

Tra le prime cinque al mondo, la produzione di Hyundai è inferiore a quella di Toyota e Volkswagen. Il nuovo impianto della Georgia dovrebbe produrre 300.000 veicoli all’anno, ha affermato Munoz, e raggiungerà i 500.000 veicoli in futuro. I due stabilimenti statunitensi esistenti dell’azienda possono produrre 730.000 veicoli all’anno.

“Negli Stati Uniti, il nostro piano è di crescere”, ha dichiarato alla CNBC il CEO di Hyundai Motor America Randy Parker all’inizio di questo mese. “Tutto si riduce alla capacità di rappresentare quanto possiamo crescere”.

READ  Aggiornamenti dell'uragano Ian: Tempesta aggiornata alla categoria 1; La Florida, nella Carolina del Sud, vede morti e danni mentre le frane respingono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.