I messaggi di testo del 6 gennaio dai telefoni dei principali funzionari del Pentagono Trump sono stati cancellati



CNN

Alla fine dell’amministrazione Trump, il Dipartimento della Difesa ha cancellato i telefoni degli alti funzionari del DOD e militari, rimuovendo qualsiasi testo dai testimoni chiave degli eventi del 6 gennaio 2021. Attacco alla capitale degli Stati UnitiSecondo gli atti del tribunale.

L’ammissione che i telefoni dei funzionari del Pentagono fossero stati intercettati è stata la prima ad essere rivelata in una causa del Freedom of Information Act intentata contro il Dipartimento della Difesa e l’esercito. Il watchdog sta cercando documenti datati 6 gennaio dall’ex segretario alla Difesa Chris Miller, dall’ex capo di stato maggiore Kash Patel e dall’ex segretario dell’esercito Ryan McCarthy ad altri funzionari chiave del Pentagono, giorni dopo aver presentato le richieste FOIA iniziali. Assalto alla Capitale.

Miller, Patel e McCarthy sono stati visti come testimoni chiave per comprendere la risposta del governo all’attacco al Campidoglio del 6 gennaio e la reazione dell’ex presidente Donald Trump alla violazione. Con lo svolgersi delle rivolte, i tre sono coinvolti nella risposta del Dipartimento della Difesa all’invio delle truppe della Guardia Nazionale nella capitale degli Stati Uniti. Non vi è alcun suggerimento che le autorità stesse abbiano distrutto i registri.

L’affermazione del governo nel deposito che gli sms degli ufficiali di quel giorno non sono stati conservati è l’ultimo colpo agli sforzi per portare trasparenza agli eventi del 6 gennaio. Sembra che anche il Dipartimento per la sicurezza interna sia sotto tiro. Perdita di messaggi dai servizi segreti quel giorno.

Miller ha rifiutato di commentare. Patel e McCarthy non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Il Dipartimento della Difesa non ha risposto immediatamente alla richiesta della CNN. “È nostra politica non commentare le controversie in corso”, ha affermato in una dichiarazione il colonnello Cathy Wilkinson, capo delle relazioni con i media degli affari pubblici per l’esercito degli Stati Uniti.

L’organismo di controllo degli Stati Uniti ha ora chiesto un'”indagine interagenzia” da parte del Dipartimento di Giustizia per indagare sulla distruzione dei materiali.

“È sorprendente credere che l’agenzia non capisca l’importanza di proteggere i suoi archivi, soprattutto [with regards] Per i massimi dirigenti che avrebbero potuto catturare: cosa stavano facendo, quando lo stavano facendo, perché lo stavano facendo quel giorno”, ha detto alla CNN Heather Sawyer, direttore esecutivo di American Oversight.

Sawyer ha affermato che la sua organizzazione ha appreso che i documenti non erano protetti dai pubblici ministeri del governo all’inizio di quest’anno e ha ricordato il riconoscimento in un rapporto sullo stato congiunto depositato in tribunale a marzo.

“Il DOD o l’esercito hanno informato il querelante che quando un dipendente si è separato dal DOD o dall’esercito stava utilizzando un telefono emesso dal governo e che il telefono veniva cancellato”, ha affermato il governo nel deposito. “Per i custodi non presso l’agenzia, i messaggi di testo non sono protetti e quindi non ricercabili, sebbene messaggi di testo specifici possano essere archiviati in altri sistemi di registrazione, come la posta elettronica”.

Con lo scandalo in corso sulla scomparsa dei fascicoli degli agenti dei servizi segreti dal 6 gennaio, l’ammissione che i documenti non erano protetti ha assunto un nuovo significato.

“L’incapacità di prendere sul serio i propri obblighi di proteggere i documenti, garantire la responsabilità e garantire la responsabilità ai propri partner nel ramo legislativo e al popolo americano rivela una mancanza diffusa”, ha affermato Sawyer.

I servizi segreti hanno affermato che i suoi messaggi sono andati persi a causa di uno spostamento di dati dai cellulari dei suoi agenti iniziato il 27 gennaio 2021, esattamente tre settimane dopo l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti. L’ispettore generale per la sicurezza interna Joseph Gaffari ha appreso per la prima volta della scomparsa dei testi nel maggio 2021. CNN precedentemente segnalato.

Il modello multi-agenzia ha spinto la sua organizzazione a scrivere al procuratore generale Merrick Garland, che sta già affrontando le richieste dei Democratici del Congresso di accettare l’indagine del DHS sui documenti mancanti dei servizi segreti.

“La supervisione degli Stati Uniti ti esorta a indagare sulle azioni del DOD per consentire la distruzione di documenti relativi a questa significativa questione di interesse nazionale e importanza storica”, ha affermato il Senato Democratico. Il Dipartimento per la sicurezza interna sta indagando su fallimenti simili, citando le chiamate di Dick Turbin lettera, condiviso con la CNN martedì, ha detto.

Dopo aver presentato richieste FOIA al Dipartimento della Difesa e all’esercito, La supervisione degli Stati Uniti dice Il Pentagono ha accettato la richiesta il 15 gennaio 2021. La sorveglianza degli Stati Uniti ha quindi intentato una causa in marzo per costringere la divulgazione dei registri. Oltre agli obblighi FOIA, la supervisione degli Stati Uniti afferma che il Pentagono è stato negligente nel non aver conservato i documenti, Sawyer ne ha anche indicato uno separato. Registri federali La legge richiede inoltre al governo di conservare i record che hanno “il valore informativo dei dati che contengono”.

“Non credo sia possibile per qualcuno sostenere con faccia seria che le comunicazioni tra questi alti funzionari il 6 gennaio non avrebbero il tipo di valore informativo che raggiunge il Federal Records Act”, ha detto Sawyer. Il cane da guardia degli Stati Uniti sta cercando documenti per diversi funzionari del Pentagono, alcuni dei quali sono al servizio del governo.

“Per i detenuti ancora presso l’agenzia, l’esercito ha iniziato una ricerca di messaggi di testo in risposta alle richieste FOIA e stima che completerà la ricerca supplementare entro la fine di settembre”, ha affermato il Dipartimento di Giustizia in un deposito congiunto di luglio.

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare.

Ciò che il Pentagono ha sentito dalla Casa Bianca quando si è svolto l’attacco al Campidoglio è stato al centro di un’udienza del 6 gennaio alla Camera, e i legislatori affermano che lo scopo della loro indagine è quello di affrontare le falle di sicurezza quel giorno.

La commissione del 6 gennaio della Camera ha rilasciato una testimonianza la scorsa settimana al panel di Miller, negando che l’ex presidente Donald Trump gli avesse dato un ordine formale di preparare 10.000 soldati al Campidoglio il 6 gennaio.

“Non mi è stata data alcuna direzione o comando né ero a conoscenza di piani di quella natura”, ha detto Miller nel video.

6 gennaio Una portavoce del gruppo ha rifiutato di commentare i documenti relativi al Pentagono.

Un ex funzionario del Dipartimento della Difesa della precedente amministrazione ha detto alla CNN che i loro dispositivi di lavoro sono soggetti al Presidential Records Act e le loro comunicazioni sono archiviate. La fonte ha affermato che quando hanno acceso i loro dispositivi dopo il lavoro, tutti i registri delle comunicazioni avrebbero dovuto essere archiviati.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

READ  I pagamenti del prestito studentesco sono stati prorogati fino a giugno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.