I liberaldemocratici chiedono a Biden di cambiare la strategia dell’Ucraina



CNN

Due dozzine di membri liberali della Camera hanno chiesto al presidente Joe Biden di invertire la rotta sulla sua strategia per l’Ucraina e perseguire la diplomazia diretta. La Russia per porre fine al conflitto durato mesi.

In Una lettera Inviati a Biden lunedì, 30 Democratici hanno elogiato gli sforzi di Biden fino ad oggi nel sostenere l’Ucraina evitando il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti sul campo. Ma suggeriscono che uno sforzo molto più forte per porre fine alla guerra attraverso la diplomazia è necessario per prevenire un conflitto prolungato e prolungato.

“Data la devastazione che questa guerra ha creato per l’Ucraina e il mondo e il rischio di escalation, riteniamo che sia nell’interesse dell’Ucraina, degli Stati Uniti e del mondo evitare un conflitto prolungato”, la lettera, guidata da Congress Progressive Il presidente del partito Pramila Jayapal, legge. “Per questo motivo, vi esortiamo ad abbinare il supporto militare ed economico fornito dagli Stati Uniti all’Ucraina con una spinta diplomatica proattiva.

La lettera arriva in un momento critico della guerra, con la Russia che prende di mira le infrastrutture civili con un focus particolare sull’interruzione delle forniture di elettricità ai cittadini ucraini prima dell’inverno.

Al Congresso, sono aumentate le domande sulla volontà dei legislatori di mantenere il massiccio sostegno finanziario e militare che è andato all’Ucraina. Alcuni repubblicani hanno minacciato di tagliare gli aiuti al paese se prenderanno il controllo del Congresso a novembre.

I liberaldemocratici, nella loro lettera, affermano che sono necessari sforzi diretti per coinvolgere Mosca diplomaticamente mentre la guerra si trascina.

“Non ci facciamo illusioni sulle difficoltà di coinvolgere la Russia sulla base della sua aggressione oltraggiosa e illegale e della sua decisione di annettere ulteriore territorio ucraino”, hanno scritto i legislatori. “Tuttavia, se c’è un modo per porre fine alla guerra preservando un’Ucraina libera e indipendente, è responsabilità degli Stati Uniti perseguire ogni via diplomatica per sostenere una tale soluzione accettabile per il popolo ucraino”.

John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale, ha affermato che la Casa Bianca ha ricevuto la lettera.

“Apprezziamo certamente i sentimenti espressi da questi membri del Congresso”, ha detto Kirby.

“Abbiamo lavorato con i membri del Congresso durante l’intero processo, soprattutto quando sono necessari ulteriori finanziamenti per sostenere le esigenze di sicurezza dell’Ucraina”, ha affermato Kirby. “Ed è stato fatto in piena collaborazione con i membri del Congresso in piena trasparenza. Questo è ciò che il presidente vuole continuare ad andare avanti.

Tuttavia, Kirby ha affermato che non ci sono segnali che il presidente russo Vladimir Putin sia disposto a impegnarsi in una seria diplomazia per porre fine alla guerra.

“Quando vedi e ascolti la sua retorica e altre cose, è chiaro che Putin non ha voglia di negoziare quando i russi commettono atrocità, crimini di guerra, attacchi aerei contro le infrastrutture civili”. ha detto Kirby.

Ha detto che quando sarà il momento giusto per tornare al tavolo dei negoziati, spetterà all’Ucraina e al suo presidente Volodymyr Zelensky.

“Il signor Zelensky decide quando pensa che sia il momento giusto, e il signor Zelensky decide, perché è il suo paese, che aspetto ha la vittoria, che tipo di vittoria, che tipo di condizioni è disposto a negoziare”, ha detto Kirby. Non ho intenzione di dettarlo. ”

READ  Lo Stato sollecita il vaccino contro la poliomielite nelle acque reflue di New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.