I futures su azioni salgono dopo la terza settimana vincente dell’S&P 500

I futures sulle azioni sono aumentati lunedì mattina, dopo il terzo guadagno settimanale consecutivo dell’S&P 500 mentre gli investitori hanno rivolto la loro attenzione a un rapporto chiave sull’inflazione questa settimana.

I futures per la media industriale del Dow Jones sono aumentati di 155 punti, ovvero dello 0,5%. I futures S&P 500 e Nasdaq 100 sono avanzati rispettivamente dello 0,4% e dello 0,3%. I future sono aumentati dopo Nvidia ha riportato guadagni deboli Per il secondo trimestre.

L’S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno registrato guadagni mensili sorprendentemente forti lunedì, dopo i guadagni settimanali. Dichiarazione di lavoro Qualche rallentamento ha alleviato i timori. Il mercato del lavoro fermo ha anche indicato che l’economia potrebbe resistere a ulteriori aumenti dei tassi da parte della Federal Reserve.

“Il rally del mercato azionario dal 16 giugno sembra avere le gambe a nostro avviso sulla base dei dati economici e dei risultati degli utili di venerdì scorso”, ha affermato John Stoltzfuss, chief investment strategist di Oppenheimer in una nota ai clienti.

Alcuni hanno acquisito azioni legate all’energia pulita Dopo che il Senato ha approvato una legge sul clima da 430 miliardi di dollari, il disegno di legge anti-inflazione, dovrebbe passare alla Camera entro la fine della settimana. L’ETF Invesco Solar è salito dell’1,7% all’inizio degli scambi.

Una nuova lettura dell’indice dei prezzi al consumo, in uscita mercoledì, darà agli investitori maggiore chiarezza sulla prossima mossa della banca centrale nella riunione politica di settembre. I commercianti ora stanno valutando con alta probabilità Un aumento di 0,75 punti percentuali Il mese prossimo, sarà il terzo aumento consecutivo di tale importo.

READ  Il mittente del servizio di emergenza sanitaria può essere rimosso per aver gestito la chiamata di tiro al bufalo

Secondo le stime del Dow Jones, l’IPC principale, che include energia e cibo, dovrebbe scendere all’8,7% a luglio, in calo dal 9,1% di giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.