I democratici mantengono il controllo del Senato degli Stati Uniti nonostante la “marea rossa”

Fenice, nov. 13 (Reuters) – I democratici mantengono il controllo del Senato degli Stati Uniti.

I leader democratici hanno descritto la decisione – che ha sigillato la vittoria del senatore in carica in Nevada sabato scorso – sia come una rivendicazione della loro agenda che come un rimprovero dei candidati repubblicani.

“Eravamo sull’orlo della tirannia e, grazie a Dio, il popolo americano ci ha respinto in queste elezioni”, ha detto domenica il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer in una conferenza stampa.

La performance migliore del previsto ha dato a Biden, che ha lottato con bassi indici di approvazione prima delle elezioni di martedì a causa di un’inflazione costantemente elevata, una spinta politica in vista di quelli che dovrebbero essere colloqui seri con il suo omologo cinese Xi Jinping su una serie di questioni geopolitiche . Lunedì in Indonesia.

Tuttavia, i repubblicani erano vicini a prendere il controllo della Camera dei rappresentanti poiché i funzionari continuavano a contare i voti, con le entrate che continuavano a fluire in diverse razze, comprese molte nella California di tendenza liberale.

Sabato scorso, i repubblicani avevano 211 seggi e i democratici 205, con 218 necessari per la maggioranza. Potrebbero passare diversi giorni prima che i risultati di un numero sufficiente di gare della Camera siano noti per determinare quale partito controllerà la camera da 435 posti.

La presidente della Camera Nancy Pelosi, 82 anni, ha detto ad ABC News e alla CNN che non avrebbe fatto alcun annuncio se intende rimanere alla guida della Camera fino a quando non sarà deciso il controllo della camera. Si era ipotizzato che si sarebbe dimessa se i Democratici avessero perso la maggioranza, soprattutto dopo che suo marito è stato attaccato da un intruso nella loro casa di San Francisco il mese scorso.

READ  2 I membri del consiglio comunale di Los Angeles coinvolti in conversazioni razziali si rifiutano di dimettersi: NPR

I repubblicani della Camera hanno promesso, se vinceranno, di provare a revocare la legislazione guidata da Biden per combattere il cambiamento climatico e di rendere permanenti i tagli alle tasse del 2017. Hanno anche promesso di indagare sulle azioni dell’amministrazione Biden e sulle indagini sul figlio del presidente, che aveva legami d’affari con l’Ucraina e la Cina.

Jim Banks, un membro del Congresso repubblicano dell’Indiana, ha affermato di aspettarsi che il suo partito ottenga una maggioranza esigua alla Camera domenica e agisca come “l’ultima linea di difesa contro l’agenda di Biden” mentre inizia le audizioni sul ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan. , Covid e l’emergere di blocchi pandemici.

“Questo dovrebbe essere un punto focale per ogni caucus al Congresso, in particolare la Camera controllata dai repubblicani”, ha detto Banks in un’intervista a “Fox News Sunday”.

Concentrandosi sulla Georgia

I democratici hanno controllato il Senato negli ultimi due anni, 50 dei suoi 100 seggi, con il vicepresidente Kamala Harris che detiene il voto decisivo.

La loro maggioranza fu catturata dalla senatrice del Nevada Catherine Cortez Masto, che sconfisse di poco il repubblicano Adam Laxalt.

“Quando gli esperti nazionali hanno detto che non potevo vincere, sapevo che il Nevada avrebbe dimostrato che si sbagliavano”, ha detto Cortez Masto nel suo discorso di vittoria domenica mattina.

Per il Senato, l’attenzione si volge ora alla Georgia, dove il senatore democratico Raphael Warnock e lo sfidante repubblicano Herschel Walker si affronteranno il 21 dicembre Si affronteranno nel ballottaggio del 6. Se Warnock vince, la maggioranza dei Democratici 51-49 darà loro una spinta aggiuntiva. Passando alcuni disegni di legge che possono andare avanti con una maggioranza semplice, invece dei 60 richiesti per la maggior parte delle leggi.

READ  Le primarie di Washington potrebbero rovesciare il potere regale di Trump

Trump, che ha girato tutto l’anno le elezioni di medio termine del 2022, ha usato la sua continua popolarità tra i conservatori di estrema destra per influenzare i candidati repubblicani per le gare congressuali, governative e locali.

Nonostante la performance poco brillante dei repubblicani, anche se hanno ottenuto una maggioranza ristretta alla Camera, Trump Accusato Promuovere i candidati che non possono appellarsi a un elettorato sufficientemente ampio.

La sconfitta repubblicana in Georgia potrebbe intaccare la popolarità di Trump poiché i consiglieri affermano che annuncerà una terza corsa alla presidenza questa settimana nel 2024.

Il risultato potrebbe aumentare le possibilità del governatore della Florida Ron De SantisHa sconfitto il suo avversario democratico martedì e sta sfidando Trump per la nomination presidenziale del 2024.

I democratici hanno descritto i repubblicani come estremisti, indicando la sentenza della Corte Suprema di eliminare il diritto all’aborto a livello nazionale e le centinaia di candidati repubblicani che hanno incoraggiato le affermazioni infondate di Trump secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 erano state truccate.

Anche se gli esperti di Washington prevedevano grandi perdite e chiedevano un cambiamento di approccio, Pelosi ha attribuito la performance del suo partito ai candidati democratici che conoscevano i loro distretti e si concentravano sulle questioni a cui gli elettori si preoccupano.

“Conoscevano il valore del diritto di scelta di una donna. Sapevano quanto fosse importante proteggere la nostra democrazia. Conoscevano la differenza tra loro e i loro oppositori”, ha detto Pelosi all’ABC.

I democratici con il controllo continuo del Senato possono ancora approvare le nomine di Biden, come i giudici federali. Ciò include nominati alla Corte Suprema se nei prossimi due anni si apriranno posti vacanti su un banco con una maggioranza conservatrice di 6-3.

READ  Sparatoria al decollo - ULTIME: Il rapporto sull'inchiesta di Migos Rapper rivela nuovi dettagli sulla morte poiché l'offset rende omaggio

Segnalazioni di Tim Reed a Phoenix e Kanishka Singh, Richard Cowan e Jason Lange e Joel Schechtman a Washington; di Kanishka Singh e Nathan Lane; Montaggio: William Mallard e Bill Bergrod

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.