‘Faro di speranza’: Ucraina e Russia firmano un accordo per l’esportazione di grano

ISTANBUL (AP) — La Russia e l’Ucraina hanno firmato venerdì accordi separati con la Turchia e le Nazioni Unite su una rotta per esportare milioni di tonnellate di grano ucraino, oltre a grano e fertilizzanti russi, attraverso il Mar Nero. L’accordo tanto atteso pone fine a un conflitto in tempo di guerra Ciò ha minacciato la sicurezza alimentare in tutto il mondo.

Un piano delle Nazioni Unite per aiutare l’Ucraina – uno dei principali granai del mondo – ad esportare 22 milioni di tonnellate di grano e altri prodotti agricoli bloccati nei porti del Mar Nero a causa dell’invasione russa.. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres lo ha definito un “faro di speranza” per milioni di persone affamate che hanno dovuto affrontare enormi aumenti dei prezzi dei generi alimentari.

Robert Martini, Direttore Generale della Croce Rossa, ha dichiarato: “Un accordo per consentire al grano di lasciare i porti del Mar Nero salverà vite a persone in tutto il mondo. Ha osservato che negli ultimi sei mesi i prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 187% in Sudan, dell’86% in Siria e del 60% nello Yemen solo in pochi paesi.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e il ministro delle Infrastrutture ucraino Oleksandr Kubrakov hanno firmato accordi simili con Guterres e il ministro della Difesa turco Hulusi Agar venerdì durante una cerimonia a Istanbul. Russia e Ucraina non hanno firmato direttamente alcun accordo.

“Oggi c’è un faro nel Mar Nero”, ha detto Guterres. “Un faro di speranza, un faro di possibilità, un faro di sollievo in un mondo che ne ha più che mai bisogno.”

“Si superano le barriere, si mettono da parte le differenze e si apre la strada a iniziative che servono il bene comune di tutti”, ha detto agli ambasciatori.

Guterres ha descritto l’accordo come senza precedenti tra le due parti in un sanguinoso conflitto. Erdogan sperava che fosse “una nuova svolta che rinnova la speranza di pace”.

READ  I Phoenix Suns corrispondono al foglio di offerta di 4 anni di Indiana Pacers da 133 milioni di dollari per Deandre Ayton, affermano gli agenti

Sempre a Kiev, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha suonato una nota più cupa.

“Non ho aperto una bottiglia di champagne a causa di questo accordo”, ha detto Kuleba all’Associated Press. “Sto incrociando le dita perché funzionerà, che le navi porteranno grano sui mercati mondiali, che i prezzi scenderanno, che le persone avranno cibo da mangiare. Ma sono molto cauto perché non mi fido della Russia, ” Egli ha detto.

L’UE e il Regno Unito hanno subito accolto con favore la notizia.

“Questo è un passo importante negli sforzi per superare l’insicurezza alimentare globale causata dall’aggressione della Russia contro l’Ucraina”, ha affermato Joseph Borrell, capo della politica estera dell’UE.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha elogiato la Turchia e le Nazioni Unite per aver mediato l’accordo.

“Stiamo osservando le azioni della Russia che corrispondono alle sue parole”, ha detto Truss. “Per un ritorno permanente alla sicurezza globale e alla stabilità economica, (il presidente russo Vladimir) Putin deve porre fine alla guerra e ritirarsi dall’Ucraina”.

Anche i leader africani hanno accolto favorevolmente l’accordo, con il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa che ha affermato che “ci è voluto troppo tempo”.

L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, mais e olio di girasole, ma l’invasione russa del Paese e il blocco navale dei suoi porti hanno fermato le esportazioni. Parte del grano ucraino viene trasportato attraverso l’Europa su rotaia, strada e fiume, ma i prezzi di prodotti di base come grano e orzo sono aumentati durante la guerra.

Nonostante le sanzioni internazionali contro la Russia Le esportazioni di cibo non sono state prese di mira e la guerra ha interrotto le esportazioni di prodotti russi poiché le compagnie di navigazione e assicurazioni non volevano trattare con la Russia.

Guterres ha affermato che il progetto, noto come Black Sea Initiative, apre la strada a significative esportazioni commerciali di cibo dai tre principali porti ucraini di Odesa, Chernomorsk e Yuzhny.

READ  Caesar Emanuel ha interrogato un video di abusi sui cani da parte dei servizi animali e delle guardie

L’accordo, ottenuto dall’AP, prevede che un centro di coordinamento congiunto sarà istituito a Istanbul con funzionari di Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite, inclusa la programmazione degli arrivi e delle partenze delle navi mercantili. Il centro sarà diretto da un funzionario delle Nazioni Unite.

Squadre di ispezione composte da rappresentanti di tutte le parti in Turchia controlleranno le navi in ​​entrata e in uscita dai porti ucraini per assicurarsi che non ci siano armi o soldati a bordo. Le ispezioni avranno luogo nei punti di ingresso e di uscita del Bosforo.

In base all’accordo, “tutte le attività nelle acque territoriali ucraine saranno sotto l’autorità e la responsabilità dell’Ucraina” e le parti concordano di non lanciare attacchi contro navi e strutture portuali nell’ambito dell’iniziativa. Se lo sminamento è necessario per proteggere le rotte marittime, una macchina per lo sminamento di un altro paese libererà gli accessi ai porti ucraini.

Le parti monitoreranno a distanza il movimento delle navi e non ci saranno navi militari. Aerei o droni possono avvicinarsi al “corridoio umanitario marittimo” oltre la distanza stabilita dal Centro. Il contratto avrà una validità di 120 giorni e potrà essere automaticamente prorogato.

Un alto funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che ci vorranno settimane prima che l’accordo sia pienamente operativo, aggiungendo che l’Ucraina ha bisogno di circa 10 giorni per preparare i porti e più tempo per “identificare e chiarire quei corridoi sicuri”. L’obiettivo è esportare 5 milioni di tonnellate di grano al mese per svuotare i silos dell’Ucraina in tempo per il raccolto di quest’anno.

Guterres ha sollevato per la prima volta la fondamentale necessità di riportare la produzione agricola ucraina, il grano e i fertilizzanti russi sui mercati mondiali durante gli incontri con Putin a Mosca e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy a Kiev. Ha proposto un accordo all’inizio di giugno nel timore che la guerra potesse peggiorare 181 milioni di persone hanno fame.

Peter Mayer, responsabile dell’analisi dei cereali e dei semi oleosi presso S&P Global Platts, ha affermato che l’accordo “non significa che la crisi dell’offerta globale sia finita”.

READ  Il mittente del servizio di emergenza sanitaria può essere rimosso per aver gestito la chiamata di tiro al bufalo

I commercianti avevano anticipato un accordo nelle ultime settimane, quindi l’effetto potrebbe essersi già riflesso nei prezzi dei cereali, ha affermato. L’accordo copre solo il raccolto 2021. C’è ancora una notevole incertezza sulla produzione ucraina quest’anno e il prossimo, ha affermato il sindaco.

Prima dell’accordo, i funzionari russi e ucraini si incolpavano a vicenda per le esportazioni di grano vietate. Mosca ha accusato l’Ucraina di non aver rimosso le mine marine nei porti e ha insistito per controllare le armi in arrivo sulle navi.

L’Ucraina ha affermato che il blocco portuale della Russia e il lancio di missili dal Mar Nero hanno reso impossibile qualsiasi spedizione marittima sicura. Ha chiesto garanzie internazionali che il Cremlino non avrebbe utilizzato corridoi sicuri per attaccare Odessa e ha accusato la Russia di aver rubato grano dall’Ucraina orientale e di aver incendiato deliberatamente i campi ucraini.

Volodymyr Sidenko, un esperto del think tank Razumkov Center con sede a Kiev, ha affermato che l’Ucraina non ha sollevato apertamente la questione del furto di grano nei colloqui.

“Questo fa parte di un accordo: Kiev non ha sollevato la questione del furto di grano e Mosca non ha insistito per controllare le navi ucraine. Kiev e Mosca sono state costrette a fare un accordo e un compromesso”, ha detto.

L’analista ha notato che l’accordo è importante anche per le relazioni geopolitiche della Russia.

“La Russia ha deciso di non provocare una nuova crisi in Africa e di provocare la fame e i cambiamenti di governo lì”, ha detto Sidenko. “L’Unione africana chiede a Putin di alleviare la crisi il prima possibile con la consegna del grano”.

__

Fraser riferisce da Ankara, in Turchia. Hanno contribuito Edith Lederer alle Nazioni Unite, Erika Kinets a Kiev, Ucraina, Raf Gassert a Bruxelles, Jill Lawless a Londra e Keir Molson a Berlino.

___

Segui la copertura di AP sulla guerra Russia-Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.