Coinbase fa esplodere la SEC per un caso di insider trading

Segnaletica Coinbase a Times Square a New York durante l’offerta pubblica iniziale della società sul Nasdaq il 14 aprile 2021.

Robert Nickelsberg | Belle foto

Coinbase Le affermazioni della Securities and Exchange Commission secondo cui la società offriva titoli non registrati sono state respinte a seguito di accuse di frode contro un ex dipendente.

Giovedì, un ex product manager di Coinbase è stato accusato di altre due persone di frode telematica in relazione a uno schema di insider trading che coinvolge criptovalute. Questo caso è il primo caso.

I pubblici ministeri statunitensi hanno affermato che le persone hanno cospirato per trarre profitto dalla quotazione di Coinbase prima che nuovi token fossero annunciati pubblicamente sulla sua piattaforma.

In una denuncia separata presentata giovedì, la SEC ha affermato che nove dei 25 token presumibilmente scambiati nel programma erano titoli.

Il chief legal officer di Coinbase, Paul Grewal, ha dichiarato giovedì che a Blog “Coinbase non elenca i titoli. Fine della storia.”

“Sette delle nove risorse incluse nelle accuse della SEC sono elencate sul sito di Coinbase”, ha detto Grewal in un post sul blog. “Nessuna di queste attività sono titoli”.

“Coinbase ha un processo rigoroso per analizzare e rivedere ogni risorsa digitale prima di renderla disponibile sul nostro scambio, che la stessa SEC ha esaminato”.

Se determinate criptovalute debbano essere considerate titoli è una questione controversa che ha confuso allo stesso modo sia i regolatori che le società di criptovalute.

La società blockchain con sede a San Francisco Ripple sta attualmente combattendo una causa della SEC che richiede che XRP e la sua criptovaluta strettamente correlata siano trattate come una sicurezza.

READ  Dow Jones Futures: Tex guida la ripresa del mercato azionario; Gli investitori stanno decidendo un rialzo dei tassi della Fed

Ciò porta a un caso storico della Corte Suprema noto come Howie Test, che considera un bene sicuro se soddisfa determinati criteri. Secondo la SEC, un titolo è definito come “un investimento di denaro in un’impresa comune, con una ragionevole aspettativa di profitto derivato dagli sforzi degli altri”.

La posizione della SEC è significativa perché Coinbase potrebbe essere costretta a classificare alcune delle criptovalute che offre come strumenti finanziari regolamentati.

Il processo di quotazione dei titoli di una società, come le azioni, comporta severi requisiti di divulgazione e registrazione. Le criptovalute, al contrario, non sono regolamentate e quindi non hanno lo stesso livello di controllo.

Coinbase è noto per essere più conservativo con la sua struttura di elenco dei token rispetto ad altri scambi. Sia Binance che FTX offrono più di 300 monete, ad esempio, mentre Coinbase ne elenca più di 200, secondo i dati di CoinGecko.

Tuttavia, la SEC ritiene che la società ospiti titoli non regolamentati sulla sua piattaforma, cosa che Coinbase nega.

Carolyn Baum, commissaria della Commodity Futures Trading Commission, ha valutato il caso giovedì, definendo le accuse di frode sui titoli della SEC “un classico esempio di ‘regolamentazione mediante l’applicazione’. La CFTC sovrintende al commercio di valuta estera.

“Le accuse della SEC potrebbero avere implicazioni di vasta portata al di là di questo singolo caso, sottolineando quanto sia importante e urgente che le autorità di regolamentazione lavorino insieme”, ha affermato Baum in una nota. “La chiarezza normativa viene dall’aperto, non dal buio”.

Grewal di Coinbase ha concordato con la valutazione di Pham.

READ  Le azioni di chip scendono come S&P 500, i futures Nasdaq scendono martedì

“Invece di elaborare regole progettate in modo inclusivo e trasparente, la SEC si è affidata a questo tipo di azioni esecutive uniche per portare tutte le risorse digitali, non i titoli, sotto la sua giurisdizione”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.