Boris Johnson è tornato in Inghilterra nel tentativo di fare un rapido ritorno politico

  • Johnson è stato costretto a lasciare l’incarico quest’anno
  • I candidati alla carica di Primo Ministro hanno bisogno di candidature di 100 legislatori
  • Sunak è il favorito dei bookmaker, seguito da Johnson
  • La tregua è uscita dopo che le politiche hanno innescato turbolenze di mercato

LONDRA, 22 ottobre (Reuters) – Boris Johnson è tornato in Gran Bretagna sabato dalle vacanze per prendere in considerazione un’audace offerta per un secondo mandato come primo ministro contro il suo ex ministro delle finanze, dimessosi a luglio. Ufficio.

I potenziali candidati a sostituire il primo ministro Liz Truss, che ha lasciato giovedì dopo sei settimane in carica, hanno trascorso un intenso fine settimana a fare pressioni per assicurarsi un numero sufficiente di nomination per entrare nella corsa alla leadership prima della scadenza di lunedì.

Johnson, che era in vacanza nei Caraibi quando Truss si è dimesso, non ha commentato pubblicamente l’offerta per il suo vecchio lavoro. Ha il sostegno di dozzine di legislatori conservatori, ma ha bisogno di 100 raccomandazioni per essere preso in considerazione.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Venerdì il ministro del Commercio James Duttridge ha detto che Johnson gli ha detto di essere “pronto”. Johnson ha avuto 100 nomination sabato, anche se un conteggio Reuters lo ha messo a più di 40 e l’ex ministro delle finanze Rishi Sunak a più di 110 per battere Johnson.

Il nuovo primo ministro, che passerà di mano tre volte in quattro anni, deve affrontare una grande casella di posta dopo che i piani economici di Truss hanno inviato onde d’urto attraverso i mercati obbligazionari, aumentato i costi del debito pubblico e aggiunto maggiore pressione a famiglie e imprese già in difficoltà. Crisi della vita.

READ  L'interruzione di Rogers interrompe il servizio Internet in Canada: NPR

Il Sunday Times ha riferito che Sunak è ora il preferito dai bookmaker e potrebbe incontrare Johnson in ritardo sabato. Non sono stati forniti dettagli su eventuali discussioni programmate.

L’ex ministro della Difesa Benny Mordant è l’unico ad aver annunciato formalmente la sua candidatura, anche se Reuters ha affermato di aver ricevuto finora solo 22 candidature prima della scadenza delle 1300 GMT di lunedì.

Un giornalista di Sky News sul volo ha riferito che Johnson è stato deriso da alcuni passeggeri del volo per la Gran Bretagna. Indossando una giacca scura e uno zaino, Johnson ha salutato i fotografi dopo l’atterraggio all’aeroporto di Gatwick di Londra e prima di partire.

polarizzazione

Sarebbe un ritorno scioccante per l’ex giornalista ed ex sindaco di Londra scandalizzato che ha lasciato Downing Street, dicendo che i colleghi legislatori del partito “hanno cambiato a metà le regole” per impedirgli di scontare un mandato completo.

In una spinta a Sunak, un altro potenziale sfidante che ha contestato la corsa alla leadership all’inizio di quest’anno, il ministro del Commercio Kemi Patenok ha sostenuto l’ex ministro delle finanze, rifiutandosi così di un’altra candidatura per il posto di vertice.

La prospettiva di un altro primo ministro Johnson è una questione polarizzante per molti nel Partito conservatore, profondamente diviso dopo quattro primi ministri in sei anni.

Per alcuni legislatori conservatori, Johnson è un vincitore del voto, attirando l’attenzione a livello nazionale con la sua immagine popolare e il suo dinamico ottimismo. Per altri è una figura tossica che farà fatica a tenere unita la festa.

READ  Le azioni estendono la volatilità del mercato ribassista mentre l'inflazione imperversa

L’ex ministro dell’Interno Prithi Patel ha affermato che il suo vecchio capo “ha il mandato di consegnare il nostro programma elettorale e una comprovata esperienza nell’ottenere grandi risultati nel modo giusto”.

Un altro legislatore conservatore, Andrew Bridgen, ha detto che potrebbe dimettersi dalla commissione parlamentare se Johnson fosse tornato e ha detto ai conservatori di non creare un “culto della personalità” di Johnson.

L’ex leader conservatore William Hague ha affermato che il ritorno di Johnson porterebbe a una “spirale di morte” per il partito.

Johnson è attualmente sotto inchiesta da parte della Commissione per i privilegi del Parlamento per stabilire se ha mentito alla Camera dei Comuni sulle parti che hanno rotto il blocco. I ministri che consapevolmente ingannano il Parlamento dovrebbero dimettersi.

La competizione è stata accelerata per durare solo una settimana. Secondo il regolamento, solo tre candidati possono raggiungere il primo scrutinio dei legislatori lunedì pomeriggio, con gli ultimi due posti ai voti venerdì, limitato ai 170.000 iscritti al Partito conservatore.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazione di Andrew MacAskill; Rapporto aggiuntivo di Henry Nichols; Montaggio di Edmund Blair e Jason Neely

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.