Aggiornamenti in tempo reale: la guerra della Russia in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato mercoledì un decreto che pone la centrale nucleare ucraina di Zaporizhia sotto il controllo dell’arbitrario stato russo e modifica la costituzione del paese per consentire l’ingresso di nuovi territori nella Federazione Russa.

L’annessione di Zaporizhzhia e delle altre tre regioni è illegale ai sensi del diritto internazionale ed è stata ampiamente condannata dalla comunità internazionale.

Nonostante l’opposizione internazionale alla mossa, Putin ha incaricato il gabinetto di decidere come regolamentare e far funzionare l’impianto di Zaporizhia, che rimane sotto il controllo militare russo fino al 2028.

Quando Putin ha firmato il decreto, Energoatom, l’agenzia statale per l’energia nucleare ucraina, ha detto che il suo presidente avrebbe assunto le funzioni di amministratore delegato della centrale.

Il presidente di Energoatom Petro Kotin ha dichiarato in un videomessaggio ai dipendenti dell’impianto: “Secondo la legge attuale, l’approvazione e i documenti normativi, ho deciso di assumere le funzioni di direttore generale della centrale nucleare di Zaporizhzhia”.

Ha detto che la gestione dell’impianto sarebbe stata trasferita direttamente a Kiev in seguito alla detenzione del direttore generale dell’impianto, Ihor Murashov, da parte delle autorità russe. Martedì, l’AIEA ha detto che Murashov non avrebbe ripreso le sue funzioni presso la centrale nucleare dopo il suo rilascio dalla custodia russa.

Godin ha anche osservato che i problemi operativi dell’impianto sarebbero stati risolti da personale tecnico sotto contratto con l’ufficio centrale dell’azienda.

Intervento dell’AIEA: Raphael Grossi, capo dell’organismo di vigilanza nucleare dell’Onu, è stato a Kiev giovedì per discutere le richieste di istituire una zona di sicurezza nucleare intorno all’impianto “il prima possibile”. Lo ha detto l’AIEA in una nota. Croci visiterà anche la Russia nei prossimi giorni.

READ  Stephen Curry ha portato i Golden State Warriors alla vittoria con 43 punti in gara 4

Non era ancora chiaro quali sarebbero state le “conseguenze pratiche” della decisione russa di sequestrare l’impianto, ma Grossi ha detto in una conferenza stampa che avrebbe discusso di tali questioni in riunioni ad alto livello a Mosca. Ha aggiunto che l’AIEA considera la struttura ucraina.

“Vogliamo che questa guerra finisca. La guerra deve finire immediatamente. La posizione dell’AIEA è che questa struttura è una struttura ucraina, ma non ho intenzione di commentare gli sviluppi militari”, ha detto Croci.

“Per noi, poiché si tratta di una struttura ucraina, è ovvio che la proprietà (sic) spetta a Energatom”, ha detto Grozy della compagnia nucleare statale ucraina. “Siamo una società internazionale e siamo regolati dal diritto internazionale. Come tutti sapete molto bene, le fusioni non sono accettabili dal diritto internazionale.

Un po’ di contesto: Lo stabilimento di Zaporizhzhia è stato oggetto di un attento esame sin dalla sua occupazione dopo l’invasione russa alla fine di febbraio. Intenso bombardamento russo vicino alla struttura Quest’estate Ha suscitato preoccupazione per un incidente nucleare, spingendo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica Una squadra dovrebbe essere inviata lì.

Il reattore nucleare a sei reattori è il più grande d’Europa. Continua ad essere gestito da tecnici ucraini, ma l’annessione forzata di Zaporizhia è ora territorio russo secondo la legge russa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.