7.000 infermieri scioperano in 2 ospedali di New York City

Commento

Più di 7.000 infermieri di due importanti sistemi ospedalieri di New York si sono ritirati dopo che i colloqui si sono interrotti all’inizio di lunedì, scavando nel personale e nei carichi di lavoro che sostengono abbiano lasciato i loro ranghi sopraffatti dalla pandemia e oltre.

I colloqui dell’ultimo minuto per evitare uno sciopero al Mount Sinai Hospital di Manhattan e al Montefiore Medical Center nel Bronx sono falliti dopo che i negoziatori sindacali sono usciti poco dopo l’una di notte, ha detto la portavoce del Mount Sinai Lucia Lee. La New York State Nurses Association ha respinto la proposta del governatore di New York Cathy Hochul (D) di sottoporre la controversia ad arbitrato vincolante.

I rappresentanti di entrambi gli ospedali hanno affermato che il sindacato aveva rifiutato un aumento di stipendio di quasi il 20% che gli infermieri delle organizzazioni di pari avevano accettato nei precedenti colloqui di contrattazione.

Il sindaco di New York Eric Adams (D) ha esortato in una dichiarazione che tutte le parti “rimangono al tavolo dei negoziati, non importa quanto tempo ci vorrà per raggiungere un accordo volontario”.

Lo sciopero arriva mentre il Nord Est deve affrontare una potenziale ondata di casi di Covid-19 generati da XBB. 1.5 variante, parte della variante omicron che provoca un aumento dei contagi dopo le festività natalizie 2021-22. Le infezioni della nuova variante sono passate dal 2% dei casi negli Stati Uniti all’inizio di dicembre a oltre il 27% nella prima settimana di gennaio. Valutazioni Dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

READ  Colorado Springs, sparatoria al nightclub LGBTQ

Si ritiene che oltre il 70% dei casi nel nord-est sia XBB. 1.5 A New York, il numero di ricoveri correlati a Covid-19 è aumentato del 4% nell’ultima settimana, secondo il CDC. I decessi sono aumentati del 27% nell’ultimo giorno.

La nuova variante XBB.1.5 è ancora “altamente trasmissibile”, alimentando l’ondata di Covid

I sindacati degli infermieri in tutto il paese sono in sciopero da quando la pandemia ha colpito nel 2020, che secondo loro sta interrompendo l’assistenza ai pazienti e mettendo in pericolo gli operatori sanitari.

Più di 400 infermieri hanno lasciato il lavoro Un ospedale di Chicago gen. Il 3, uno sciopero di tre giorni ha esacerbato la carenza di personale dopo il ridimensionamento. Infermieri Oakland e Berkeley, in California., alla vigilia di Natale è iniziato uno sciopero di cinque giorni. Altri 400 operatori sanitari – tra assistenti infermieri, tecnici chirurgici, farmacisti, dietisti e assistenti di laboratorio – hanno iniziato uno sciopero di cinque giorni. Marina del Rey, California.., il 12 dicembre, preoccupazioni simili.

Gli infermieri di New York hanno raggiunto accordi con altri sette ospedali attorno a un quadro di contrattazione comune. Riceveranno un aumento di stipendio del 20% in tre anni e gli ospedali hanno concordato standard di personale più elevati.

“A partire dal [New York City] “Gli infermieri hanno iniziato a negoziare i nostri contratti quattro mesi fa e abbiamo affermato che il nostro problema numero uno è una crisi cronica del personale che danneggia l’assistenza ai pazienti”, ha detto venerdì ai giornalisti Nancy Hagens, presidente della New York State Nurses Association. “Personale sicuro significa avere un numero sufficiente di infermieri per fornire cure sicure e di qualità a ogni paziente. È un problema che i nostri datori di lavoro hanno ignorato, giustificato e combattuto.

READ  Daniel Snyder considera "possibili scambi" per i comandanti di Washington

Gli infermieri hanno deciso di “allontanarsi dai letti dei pazienti”, ha detto Montefiore nella dichiarazione, “instillando paura e incertezza in tutta la nostra comunità”.

“La nostra prima priorità è la sicurezza dei nostri pazienti. Siamo pronti a ridurre al minimo i disagi e incoraggiare gli infermieri del Monte Sinai a continuare a fornire cure di livello mondiale nonostante lo sciopero del NYSNA”, ha dichiarato la portavoce del Monte Sinai Lee in una nota.

In un post su Twitter, il sindacato ha affermato che i pazienti stavano visitando il sistema ospedaliero.La nostra linea di sciopero non è superata.” Ha invitato i pazienti a partecipare alle dimostrazioni dopo aver ricevuto le cure.

“Gli infermieri hanno attraversato l’inferno e sono tornati per i loro pazienti”, ha dichiarato il rappresentante Jamal Bowman (DNY) in una dichiarazione. “Hanno già combattuto battaglie inimmaginabili per mantenerci sani e vivi, e non devono continuare a combattere. Rapporti di personale sicuri e condizioni di salute sono comuni in ogni ospedale.

Il sistema sanitario statunitense sta già affrontando una carenza di infermieri. Dal 2020 al 2021, secondo uno studio di aprile, il numero di infermieri registrati nel paese è diminuito di 100.000 unità. Pubblicato sulla rivista Health Affairs.

L’American Association of Colleges of Nursing ha rilevato che le scuole per infermieri hanno respinto 91.938 candidati a programmi per infermieri nel 2021 a causa della mancanza di istruttori qualificati.

La carenza potrebbe peggiorare: secondo il National Council of State Boards of Nursing, l’età media di un’infermiera registrata è di 52 anni. In confronto, è 42 anni più giovane per il resto della forza lavoro statunitense, secondo i dati federali. Ciò suggerisce un incombente boom di pensionamenti tra gli infermieri, affermano gli esperti, a meno che la forza lavoro sanitaria non intensifichi gli sforzi di reclutamento o conservazione.

READ  Tifone Saba: Hong Kong afferma che il "miracolo" necessario per trovare più sopravvissuti all'affondata Fujing001 La Cina ne ha inventato uno

Fenit Nirappil E Lauren Weber contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.